Eventi

Cosa fare a Vercelli e dintorni: eventi dal 12 al 14 maggio 2023

Cosa fare a Vercelli e dintorni: eventi dal 12 al 14 maggio 2023
Eventi Vercellese, 11 Maggio 2023 ore 14:01

Nella foto la Corsa dei Buoi 2022 ad Asigliano, rito che si ripeterà domenica 14 maggio 2023 durante la Patronale del paese.

Ad Asigliano una Patronale di richiamo

Fra gli eventi della settimana spiccano senza dubbio gli appuntamenti della prima grande Sagra del territorio che è la Patronale di Asigliano che verrà inaugurata venerdì 12 maggio ed avrà il suo clou domenica 14 maggio con la Corsa dei Buoi. Qui il programma degli appuntamenti.

I segreti degli Antichi Egizi al Museo Leone

Venerdì 12 maggio alle ore 17.30 al Museo Leone, un viaggio affascinate condotto da Stefano Anselmo attraverso il tempo, alla scoperta dei segreti e del vero volto degli Antichi Egizi, sfatando luoghi comuni e pregiudizi. Grazie a una tecnica modernissima, viene ricreato il volto di faraoni e notabili. Una ricerca che iniziò nel 2010 con la presentazione del volto della regina Nefertiti, tratto dalla tomografia del busto policromo a Berlino Il relatore ha all’attivo numerose pubblicazioni tra cui la “Storia del trucco e dei cosmetici” in due volumi, frutto di decenni di appassionata ricerca. L’ingresso libero.

Fine settimana d'autore a Vercelli

Fine settimana intenso per la rassegna comunale “#maggioinlibri”. Venerdì 12 maggio, ore 21, Teatro Civico. Alessandro Barbero presenta il suo ultimo libro: “Brick for stone”: un racconto dell’11 settembre tra realtà storica e pura, trascinante, invenzione letteraria. Prenotazione obbligatoria alla e-mail: eventi@comune.vercelli.it entro martedì 9 maggio.
Sabato 13 maggio, “Le Terre del Risorgimento”. Si terranno due appuntamenti, con la partecipazione del Gruppo Storico Nobiltà Sabauda in costume, che aiuterà il pubblico ad immergersi nell’atmosfera del periodo storico celebrato. Gli appuntamenti si inseriscono nell’ambito della manifestazione nazionale denominata: “Le Terre del Risorgimento”: Alle ore 17, al Dugentesco, si terrà la presentazione del volume: “Savoia al femminile. Regine e Principesse, Religiose e Beate dalle origini della Dinastia al XX secolo”, a cura di Vittoria Aicardi. Alle 21, Teatro Civico prenderà il via il concerto: “Le Note del Risorgimento”, realizzato dall’Orchestra da Camera Italiana “Antonio Vivaldi”, diretta da Roberto Allegro.

Sabato Danzante a "Le Acacie"

Dopo aver festeggiato in anticipo tutte le mamme la ristorante-dancing “Le Acacie” è attesa la Doriano Orchestra che si esibirà sabato 13 maggio. Sempre uguale la formula, prima si cena e poi si balla, il tutto al costo di 25 euro. Per informazioni e prenotazione di tavoli: 0161-213824 oppure dalla pagina Facebook del locale.

Il “Trio Hausopera” al Museo Borgogna

Continua sempre con nuove proposte la stagione concertistica della Società del Quartetto. Sabato 13 maggio, ore 21, sarà ospite sul palco del salone del Museo Borgogna il “Trio Hausopera” composto da Paolo Ferraris al flauto, Alberto Bocchino alla chitarra e Paola Motta al pianoforte. Due i musicisti vercellesi: Ferraris, che si sta facendo onore in Germania come primo flauto dell’Orchestra Sinfonica Gürzenich-Orchester di Colonia, e Bocchino. Ci sarà una breve presentazione a cura del giornalista Enrico Demaria.
In programma pagine di Gioacchino Rossini con l’Ouverture da “Il Barbiere di Siviglia”, Giuseppe Verdi, Coro e Duetto dal “Rigoletto”, Astor Piazzolla, con la “Siciliana” dalla Suite op. 2, “Café 1930”, “Adios Nonino”; Moreno Torroba, Torija, e “Tango della fine del mondo” del compositore torinese Nicola Campogrande.
La proposta di Hausopera va letta sia in termini stretti, quale interpretazione di pagine ottocentesche rappresentative di una ben precisa tendenza compositiva, sia come illustrazione più ampia di un costume musicale che è stato cancellato sì dalla radio e dal fonografo, ma anche dalla sempre maggior propensione ad accostarsi alla musica passivamente piuttosto che attivamente. I rappresentanti di questo mondo e costume musicali sono in primo luogo gli strumentisti stessi, che hanno lavorato con giusto spirito ottocentesco e novecentesco sulle pagine di Rossini e Piazzolla. E sulle orme del celebre compositore argentino, Nicola Campogrande ha dedicato il brano Tango della fine del mondo al Trio Hausopera.
I biglietti (euro 10/8/5/3) sono disponibili alla Società del Quartetto, via Monte di Pietà 39 a Vercelli, ore 16-18, prenotazioni telefoniche al n. 0161.255575 o con email: biglietti@quartettovercelli.it.

Diapsi Vercelli: Ti regalerò una rosa

Torna una classica iniziativa benefica che si tiene tutti gli anni in occasione della Festa della Mamma: “Ti regalerò una rosa”, raccolta fondi promossa da Diapsi Vercelli.
Domenica 14 maggio volontari e associati saranno presenti fuori da alcune frequentate chiese cittadine per proporre le classiche rose, confezionate con il consueto buon gusto, per lanciare un messaggio d’affetto: un piccolo grazie alle mamme, al loro coraggio e alla loro presenza indispensabile.
Le offerte raccolte andranno a sostenere le attività dell’Associazione rivolte a persone con problematiche di tipo psichico.
Come noto Diapsi Vercelli opera nella sede del complesso di San Pietro Martire, dove si trova anche il laboratorio di sartoria “Brein”, che realizza borse, capi d’abbigliamento ed accessori vari per dare una nuova opportunità a persone svantaggiate ed offre inoltre attività del tempo libero, corsi e momenti di socializzazione.
«Ogni opera d’amore - sottolineano dall’associazione - compiuta con tutto il cuore porta sempre verso il bene!».
I volontari Diapsi saranno presenti nelle seguenti chiese: San Giuseppe: ore 9-11; Sant’Agnese: ore 11; Duomo: ore 8,30, 10,30; 12; San Cristoforo: ore 10, 11; San Bernardo: ore 9, 11; Sant’Antonio, Isola: ore 10; Sant’Andrea: ore 10.
Una volta terminata l’iniziativa Diapsi sarà subito al lavoro per preparare la presenza alla Fattoria in Città di Ascom.

Collettiva di “FuturArte”

Sabato 13 e domenica 14 maggio, gli artisti di “FuturArte”, sodalizio fondato e diretto da Franco Ferragatta, torna ad esporre, nel chiostro dell’ex-Chiesa di San Pietro Martire, ingressi via Dante, 98 e Piazza Vecchio Ospedale. La mostra “Arcobaleni d’arte” presenta opere di undici artisti, alcuni molto noti, altri emergenti Roberto Albeltaro (compianta colonna dell’associazione) , Gisella Ardissone, Pio Mario Arini, un vero e proprio decano della pittura vercellese, Fausto Croci (Emelin), Valentina Dimitri, Franco Ferragatta (White Shark), Lorena Festa Bianchet, Mario Marcodini, Margherita Pomati, Bruno Raviola, Paolo Zavattaro (Zac). Gli orari saranno, sabato 13 maggio (inaugurazione ore 11) 16-19,30 e domenica 10,30-12,30 e 16-19,30.

L'Azalea della Ricerca

L’Azalea della Ricerca è sinonimo di Festa della Mamma. Il fiore di Fondazione AIRC è, infatti, diventato il simbolo di questa speciale ricorrenza. “Sbocciata” per la prima volta nel lontano 1984, questa colorata pianta si è dimostrata una preziosa alleata per la salute al femminile e per il lavoro dei ricercatori sostenuti da AIRC.
Un regalo speciale per le mamme e per le persone cui vogliamo bene, per sostenere il lavoro dei migliori scienziati impegnati a sviluppare metodi per diagnosi sempre più precoci e terapie personalizzate, più efficaci e meglio tollerate per i tumori che colpiscono le donne. Domenica 14 Maggio, volontari saranno presenti, con il patrocinio del Comune e la collaborazione di “Perché no?”, anche a Vercelli, in Piazza Cavour, a partire dalle ore 9, dove saranno accolti i visitatori, distribuito materiale informativo e offerte le azalee, a fronte di una donazione di 18 euro. L’Azalea sarà affiancata da una speciale guida con informazioni sulla prevenzione “età per età” salute e cura dei tumori. Airc sarà presente, inoltre, a Prarolo, dalle ore 9, nel Piazzale della Confraternita SS.Grato e Carlo, grazie al supporto di Carla Saviolo.

Festa al Rione Isola

Domenica 14 maggio torna l’Isola che c’è”, la festa del rione, giunta alla sua settima edizione. A organizzarla sono il Comitato Rione Isola e il Circolo dei lavoratori di via Trieste 2 che ospiterà le varie anime del quartiere, tra le quali la scuola materna e il gruppo Spazio Donna. L’edizione di quest’anno sarà dedicata alla memoria di don Augusto Scavarda, parroco del rione morto lo scorso 3 gennaio, che con la sua capacità di coinvolgimento aveva saputo ridare slancio alla festa del rione aggregando i diversi abitanti in un progetto inclusivo di cura del territorio. La festa si aprirà con un pranzo all’aperto a base di panissa, grigliata e birra artigianale a cura del Mercante di Birre sulla storica pista dov’è nato l’hockey vercellese. Nel pomeriggio giochi di una volta e l’ormai “classica” lumarace, la gara delle lumache. Alle 15 si farà il punto sui progetti di riqualificazione del rione a cura del Comune di Vercelli. Nel corso della giornata, sarà inoltre allestita una mostra di astratti pittorici nati dall'ascolto musicale durante il "Progetto Fuori!" e presentati dai giovani autori. Per le 16 è prevista un'opera collettiva con intratteninento musicale a cura dell'associazione Artedù Aps. Poi, spazio alla musica con le giovani band selezionate dal batterista Claudio Saveriano.

Debutta il Palio dei Palii a Santhià

Emozioni a non finire sabato 13 maggio, quando la città di Santhià ospiterà la prima edizione del Palio dei Palii. Da un’idea dei giovani del Gruppo Partecipazione Giovani Tag del Comune di Santhià, animato dall’Associazione Itaca, nasce un grande evento che vede coinvolti sei paesi. Il Palio dei Palii coinvolgerà gli abitanti di Alice Castello, Bianzè, Borgo d’Ale, Cavaglià, Livorno Ferraris e Santhià, che realizzano ogni anno il proprio torneo. L’obiettivo è quello di creare un momento di festa sovra-territoriale che unisca i paesi in un’iniziativa unica nel suo genere. L’evento vedrà sfidarsi le squadre in tanti giochi, tradizionali e innovativi, tra cui: torneo di calciobalilla umano gara di carta igienica, lippa, pianta il chiodo, strizza la palla, bowling umano, sfida cotton fioc, staffetta con gli sci, lancio dell’uovo, tiro alla fune, corsa coi sacchi, corsa a tre gambe.
Il ritrovo per le squadre e per il pubblico che vorrà supportare i propri colori, sarà alle ore 10 al Campo di Atletica di via Manzoni 1.
Lo spirito che unisce i diversi Comuni sicuramente porterà ad iniziare una bella tradizione e occasioni di aggregazione positiva.
In attesa di decretare il primo paese vincitore del palio, sarà bello condividere insieme il pranzo e l’aperitivo organizzato grazie al supporto della Pro Loco di Vettignè. «È stato molto bello ritrovarsi in questi mesi” – dichiara Gabriele Cortella, presidente dell’Associazione Itaca – per sognare un nuovo evento che possa far vivere lo spirito di comunità che ogni anno accende i diversi paesi. Un’occasione per creare nuove collaborazioni tra località vicine e per sostenere quanti si danno da fare per rendere più vivo il proprio territorio».
Ogni paese ha scelto un proprio colore distintivo: azzurro per Alice Castello, Bianzè si colorerà di viola, Borgo d’Ale punta sul verde, mentre il bianco contraddistinguerà Cavaglià, Livorno Ferraris non poteva prescindere dal granata e Santhià vestirà di rosa. Tutto pronto, quindi, per un momento di festa che entrerà nella storia.

Fiera di Maggio a Santhià

Santhià è pronta a ospitare una Fiera di Maggio con un programma ricco di eventi da giovedì 11 a domenica 14 maggio, trenta banchi di hobbisti e artigiani del gusto, nella giornata di domenica dove in piazza Zapelloni si svolgerà l'evento “Sport&Danza”, novità di quest’anno, infatti il palco del food village sarà dedicato alle esibizioni di scuole di danza e associazioni locali. Leggi l'articolo.

"Ape" e "Vespa" alla collezione Marazzato di Stroppiana

Domenica 14 maggio 2023 alla sede della Collezione Marazzato a Stroppiana un nuovo "porte aperte" in quello che si sta affermando ormai come un vero "museo della mobilità" e non solo dei mezzi pesanti storici di cui ospita una delle più vaste collezioni d'Europa. Questa volta il "focus", con mezzi esposti e un convegno sono due prodotti iconici della Piaggio. "Vespa" e "Ape", scooter e motocarro che hanno scritto pagine di storia a partire dagli anni Sessanta. Leggi l'articolo.

Visita alla "Sala Araba" del Museo Borgogna

La “Sala Araba” del Museo Borgogna è un cantiere aperto dal quale via via emergono meraviglie e periodicamente il Museo organizza delle visite proprio per ammirare i progressi del restauro.
Prossimo appuntamento domenica 14 maggio, con Cinzia Lacchia, conservatrice del Museo, che racconterà al pubblico le ultime novità e l’allestimento della parete nord.
Durante il pomeriggio sono previsti alcuni ospiti. come la professoressa Lilia Gadri dell'Università del Piemonte Orientale con un intervento sulla calligrafia araba.
Un’occasione preziosa, dunque, per chi ama la bellezza ed è curioso. L’appuntamento fa parte del ciclo di “L’Arte si fa senire”.
Prenotazione al numero 389-211.68.58, biglietto d’ingresso 10 euro.

Collettiva di maggio allo Studio 256

Sarà inaugurata domenica 14 maggio allo “Studio d'Arte 256” di Corso Libertà 256, la “Collettiva d’Arte di maggio”, che vuole promuovere l'impegno di alcuni promettenti artisti emergenti e allo stesso tempo tributare un omaggio a personaggi del mondo dell'Arte Vercellese purtroppo scomparsi.
In esposizione opere di: Roberto Albeltaro, le fotografie di Alessandro Balliano e il papà Ezio Balliano, titolare della galleria, che per l’occasione proporrà una novità in chiave ecologista, Manuela Caporlingua, Carlotta e Pier Giovanni Caron, Angela Celoria, Miranda Magistrelli, Enzo Mainini, Annalisa Martinetti, Antonella Serratore. La mostra sarà aperta fino al 28 maggio 2023 nei giorni di sabato e domenica dalle 16,30 alle 18,30 con ingresso libero.
Dopo la maratona della “Biennale Vercelli, dunque, ancora un appuntamento d’alto livello per la galleria vercellese e che merita senza dubbio una visita.

La personale di Matteo Lombardi a Studio Dieci

E’ allestita a Studio Dieci, in piazzetta Pugliese Levi, la mostra "Clown" di Matteo Lombardi, che resterà allestita fino al 21 maggio.  Sarà visitabile dal venerdì alla domenica in orario 17-19. Ingresso libero. Ecco un passaggio del testo critico del curatore, e direttore artistico del Centro Culturale, Diego Pasqualin: «Per estetica, per insicurezza, per chissà quali altre motivazioni che fatico a ricordare, ora osservo le cicatrici che mi sono rimaste e, per risolvere quello che ai miei occhi poteva essere un difetto, ne ritrovo altri che hanno reso il mio corpo differente. Posso dire che quell’unicità ha lasciato il posto ad un’altra unicità. Forse volevo solo fuggire da me stesso e non avevo capito che, più semplicemente, sono quello che sono. Riposta la parrucca e tolto il trucco dal mio volto, sono un clown fuori scena, senza riflettori o orchestra ad accompagnare i miei gesti. Sorrido quando incrocio la mia immagine riflessa da qualche parte, così come nell’osservare la silhouette del mio corpo proiettata a terra».

Arte Contemporanea a Lucedio

Al Principato di Lucedio è visibile il progetto di arte contemporanea “Quasi Nessuno”, di Matilde Cassani, a cura di Paola Nicolin.
L’evento, alla sua seconda edizione, è promosso da “Aptitudeforthearts”, con il Patrocinio della Provincia di Vercelli e del Comune di Trino, con il supporto di Principato di Lucedio. Matilde Cassani, è designer e artista la cui ricerca da anni opera al confine tra architettura, installazioni e performance. Nata come iniziativa di arte sul territorio dedicata alla valorizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale del vercellese, “Aptitudeforthearts“ conferma la volontà di sostenere la ricerca artistica femminile invitando artiste di diversa generazione e provenienza a riflettere sul paesaggio della risaia e a immaginare un intervento liberamente ispirato alle sue storie.
Con “Quasi Nessuno” lo sguardo di Matilde Cassani indaga la risaia come fenomeno socio-antropologico prima che estetico. L’artista e designer, nel corso delle ricerche svolte sul sito, si è soffermata sulla progressiva rarefazione della figura umana nel paesaggio agricolo, sulle storie di comunità scomparse, sul comparire e lo scomparire dell’acqua sempre meno abbondante, sul nidificare degli aironi che segnano il passaggio delle stagioni. Chi oltre a questa fauna abita questi luoghi? Quasi Nessuno. Il tema del progetto si snoda allora attorno a questa semplice domanda. Il progetto sarà fruibile fino al 30 novembre.

Se invece volete fare un giro fuori zona cliccate qui per sapere cosa fare in Piemonte nel weekend: gli eventi di sabato 13 e domenica 14 maggio 2023.

Seguici sui nostri canali