Menu
Cerca
Caos differenziata

Rifiuti non raccolti: “I cittadini si lamentano, provvedete”

Cinque Stelle con Voltiamo Pagina e Siamo Vercelli

Rifiuti non raccolti: “I cittadini si lamentano, provvedete”
Politica Vercelli e dintorni, 14 Gennaio 2021 ore 09:56

Interi palazzi che talvolta anche per settimane rimangono con i cassonetti pieni perché il personale Asm non passa, o raccoglie solo umido e carta e non l’indifferenziata, come il caso di piazza Lazio di cui Notizia Oggi Vercelli si è occupata ed a cui si riferisce la foto di copertina.

Mentre ai Cappuccini è ormai più di due anni (nonostante siano previsti due lavaggi all’anno) che non passano a lavare i cassonetti del vetro e lattine, ormai ridotti molto male. Vedi foto sottostante.

E molto di più, puntualmente riferito dai cittadini. Una situazione sulla quale intervengono in queste ore tre gruppi della minoranza: Cinque Stelle e Voltiamo Pagina con un comunicato congiunto e “Siamo Vercelli”

La posizione dei Cinque Stelle e Voltiamo Pagina

“Leggiamo sui media e sui social di continue lamentele/segnalazioni da parte dei cittadini vercellesi per i mancati ritiri (molti) in molte vie cittadine, dell’umido e dell’indifferenziato.
Sembrerebbe che in molti cortili non siano stati effettuati i passaggi da prima di Natale e a quanto pare anche durante le feste.

Giustificazioni inaccettabili

Asm, azienda partecipata del Comune (40%), il cui 60% appartiene ad IREN accampa come scuse il guasto di un paio di mezzi, la neve di un giorno (il 28 dicembre) e la malattia del personale che avrebbe impedito lo svuotamento dei cassoni di plastica e vetro lungo le strade della città.
Non crediamo affatto che i cittadini possano accettare le scuse per tali motivi: il costo della Tari a Vercelli è di quasi 9 milioni di € e si pretende che il servizio funzioni!
I cittadini sono chiamati soprattutto in questo periodo a fare enormi sforzi per pagare le tasse come questa e non possono bastare le semplici scuse da un’azienda che tra l’altro sembrerebbe (Amministrazione compresa) preoccuparsi più dell’installazione di un impianto per la produzione di Pallet che non del funzionamento dei servizi essenziali.
Un’amministrazione che si rispetti ha il compito di far funzionare al meglio i servizi essenziali al cittadino e non di come diventare imprenditore”.

Il Sindaco agisca

A fronte di tutto ciò si ritiene necessario l’impegno del Sindaco ad agire nei confronti di ASM per inadempienza contrattuale e a tal proposito ci si chiede se l’amministrazione abbia sanzionato la società.
Riteniamo inaccettabile che un membro del CdA (nominato dall’amministrazione comunale) debba uscire pubblicamente per chiedere un colloquio con l’AD, fatto ancor più aggravato dal contesto in cui è avvenuto, ovvero che se non fossimo arrivati in questo stato di degrado lo stesso cda non avrebbe battuto un colpo
Ai cittadini chiediamo: preferite avere un servizio pubblico efficiente (magari con assunzione di personale) o un impianto che poco o tanto inquina e che ha moltissime incognite su possibili emissioni odorigene?

Il comunicato di Siamo Vercelli

“Rileviamo dai media e direttamente da lamentele di cittadini, di disservizi nella gestione della raccolta dei rifiuti urbani e, conseguentemente, della pulizia della nostra città. Si tratta di disservizi che, purtroppo con imbarazzante continuità, si verificano per sola responsabilità di ASM, da quando, in particolare, la gestione della società è passata in capo a Iren SpA. Insensate sono le giustificazioni del management di ASM che, tra l’altro, comprende tre membri, tra cui il Presidente, nominati dal Comune di Vercelli, che si fondano su indisponibilità di personale per malattie o a guasti dei mezzi.

Non si tratta di cause di forza maggiore: chi svolge questo servizio deve dotarsi di risorse e mezzi adeguati visto che malattie e guasti sono nella normalità della gestione di un qualsivoglia servizio. Ne emerge, di conseguenza, l’inadeguatezza del management di ASM o, peggio, l’intento di massimizzare i profitti riducendo volontariamente i costi di gestione.

Tutto questo ai danni dei cittadini che sono chiamati a versare il prezzo intero del servizio malgrado la conclamata inefficienza.

Ci si chiede come una società non strutturata per un servizio come la raccolta urbana, possa impegnarsi nella costruzione e gestione di un impianto ad alta tecnologia quale affermano essere l’impianto per la produzione di pallets.

Tutto questo con l’assoluta mancanza dell’amministrazione comunale che non interviene, nella qualità di cliente, a diffidare ASM affinché il servizio di raccolta dei rifiuti urbani sia compiuto secondo il contratto in essere.

Chiediamo che il Sindaco, a difesa degli interessi della città e della salute dei cittadini, avvii da subito tutte le necessarie azioni volte a richiamare ASM al rispetto puntuale del contratto di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani per il tramite di diffida, messa in mora e laddove ciò non avvenga, ricorrendo alla risoluzione del contratto per giusta causa”.

È ora che il Sindaco si ricordi di essere il Sindaco di tutti i cittadini e ne tuteli la saluti e gli interessi. In una città sporca la salute è ancor più compromessa!

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli