Economia

Fornitore energia, come trovare il migliore sul mercato libero

Fornitore energia, come trovare il migliore sul mercato libero
Economia 19 Ottobre 2021 ore 07:23

Cambiare fornitore energia è un’operazione che in tanti si troveranno ad effettuare entro il 31 dicembre 2022. Entro tale data, infatti, cesserà di esistere il servizio di maggior tutela, lasciando spazio esclusivamente al mercato libero.
Inoltre, il prezzo dell'energia sta aumentando: è un fenomeno che interessa tutta Italia e tutti i fornitori devono farci i conti. Nel prossimo trimestre, infatti, si attende una stangata nelle bollette di famiglie e imprese. L'Autorità è intervenuta annullando transitoriamente gli oneri generali di sistema in bolletta e potenziando il bonus sociale alle famiglie in difficoltà, grazie a un decreto di urgenza del Governo che ha stanziato le risorse necessarie, con ciò consentendo di attutire l'impatto su 29 milioni di famiglie e 6 milioni di microimprese. In virtù di questi due grandi elementi di rivoluzione, è fondamentale arrivare preparati. Proprio per la particolarità del momento storico, è consigliabile prestare qualche attenzione in più.

Scegliere secondo criteri di affidabilità e trasparenza

Individuare il fornitore energia più adatto alle proprie necessità può non essere facile a causa delle numerose offerte che si presentano sul mercato. Si possono scegliere fornitori di energia locali e legati al territorio, come Nuovenergie, attiva anche nella zona di Vercelli a Gattinara, o player nazionali: l’importante è valutare tutte le variabili. A maggior ragione in questo periodo, dove sono numerose le chiamate di call center che invitano ad aderire a offerte e promozioni "imperdibili". Molti operatori stanno contattando i clienti dei competitor utilizzando proprio l’espediente della fine del mercato tutelato per agganciarli.
Ecco che allora che diventa determinante scegliere con cura il fornitore del servizio, guardando non solo alle tariffe ma anche ai criteri di professionalità, affidabilità e trasparenza.

Valutare il proprio fabbisogno energetico

Per prima cosa, ogni famiglia, ogni impresa o realtà commerciale deve valutare attentamente le offerte dei fornitori energia elettrica. E in base alle proprie abitudini e al fabbisogno energetico, scegliere il più adatto.
Per conoscere il proprio consumo medio, basta reperire questa informazione all’interno di una delle ultime bollette.

Assistenza clienti e prossimità

Un elemento da non sottovalutare è la qualità del servizio clienti offerto dal fornitore energia. E' opportuno valutare, ad esempio, la possibilità di controllare la bolletta e i relativi costi tramite il web, la possibilità di ricevere assistenza attraverso il contatto telefonico, ma anche la presenza di punti vendita sul territorio, garanzia di un'assistenza capillare.