cultura

Alla riscoperta di una grande figura culturale e spirituale

Martedì 9 febbraio inizierà una nuova rassegna online su Eusebio di Vercelli.

Alla riscoperta di una grande figura culturale e spirituale
Cultura Vercelli e dintorni, 07 Febbraio 2021 ore 07:40

Come ricorda nella nota pastorale Io, Eusebio l’Arcivescovo di Vercelli, monsignor Marco Arnolfo, in questo 2021 si celebrano i 1650 anni dalla morte di sant’Eusebio, figura cardine per la cristianità nelle nostre terre – per la diocesi e la città di Vercelli in particolare – e dunque in generale per la nostra storia.

La proposta della Pastorale universitaria

Per conoscere meglio questa figura, collocandola nel suo tempo e traendone insegnamenti universali, intersecando vari approcci disciplinari e giungendo a diversi destinatari (non solo universitari), la proposta della Pastorale universitaria consiste in un ciclo di incontri online aperti a tutti. Per l’organizzazione e l’elaborazione del progetto ci si è avvalsi in modo particolare della collaborazione dello STEP – Studio Teologico Eusebiano Pastorale e di alcuni professori del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università del Piemonte Orientale (DISUM).
L’apporto degli interventi dei docenti universitari, coadiuvati in più casi da studenti e ricercatori, è accostato ai contributi più prettamente ecclesiali, curati da alcuni uffici e istituzioni diocesane (STEP, Ufficio Beni Culturali, Museo del Tesoro del Duomo, Cappella Musicale della Cattedrale), che si occuperanno evidentemente degli aspetti maggiormente legati alla spiritualità e alla religione.

La partecipazione

La partecipazione agli incontri sarà valida per l’acquisizione di crediti formativi universitari; sarà anche inserita nell’offerta formativa dello STEP, destinata principalmente ai collaboratori delle Comunità Pastorali.
Ciascun incontro, a carattere seminariale, prevede l’esposizione e il dialogo intorno a due contributi.

Il programma

Come da programma gli appuntamenti inizieranno il 9 febbraio e proseguiranno ogni 15 giorni, il martedì alle ore 18.


Mentre apriranno il primo appuntamento, Silvia Faccin e Sara Minelli apriranno anche le porte del Museo del Tesoro del Duomo e dell’Archivio capitolare, consentendo di individuare nell’opera di Eusebio le origini della preziosa biblioteca la cui importanza storico-artistica e spirituale è oggi ben nota. All’intervento di Faccin e Minelli seguirà quello di Gabriele Ardizio ed Eleonora Destefanis, docente di Archeologia presso l’Università del Piemonte Orientale, Presidente del corso di studi in Filologia moderna classica e comparata e attenta promotrice dell’iniziativa tra i colleghi e gli studenti del DISUM. A loro sarà affidata la guida dell’itinerario archeologico virtuale per riscoprire l’importanza di Eusebio nella cristianizzazione del Vercellese.

È possibile partecipare agli incontri collegandosi al link
http://meet.google.com/pvc-cuyo-hbg

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli