Cronaca
Cronaca

Nuovi decreti Covid: cosa cambia da domani

Nuovi decreti Covid: cosa cambia da domani
Cronaca Vercelli e dintorni, 09 Gennaio 2022 ore 11:45

Da lunedì 10 gennaio 2022 entrano in vigore le norme più importanti previste dal Decreto Festività, approvato il 23 dicembre 2021. La differenza sostanziale è l'utilizzo del Super Green pass per accedere a una serie di servizi, che da lunedì saranno dunque a esclusivo appannaggio di chi è vaccinato o guarito dal Covid. Per i No vax rimangono pochissime attività concesse.

Da lunedì, infatti, sarà necessario il Green pass rafforzato pressoché ovunque, tranne che per accedere ad attività e servizi essenziali. Servirà il certificato da vaccino o guarigione per salire sui mezzi pubblici, per bere un caffè al bancone del bar, per mangiare al ristorante (anche all'aperto) e per accedere ai luoghi di svago.

Il Green pass rafforzato "supera" di fatto le zone a colori: le restrizioni valgono ovunque per i non vaccinati. L'unica eccezione è la zona rossa, dove i divieti saranno estesi a tutti.

Nello specifico, il Super Green pass è necessario per:

Utilizzo dei mezzi pubblici (a lunga e a breve percorrenza, compreso trasporto pubblico locale)
Utilizzo del trasporto scolastico per over 12
Accesso a alberghi, centri congressi e strutture ricettive
Partecipazione a sagre, fiere, feste conseguenti a cerimonie civili e religiose (matrimoni, battesimi)
Accesso a impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici
Accesso a servizi di ristorazione all’aperto
Consumo al bancone in bar e ristoranti
Accesso a palestre, piscine, centri natatori, sport di squadra e i centri benessere anche all’aperto
Accesso centri culturali, centri sociali e ricreativi per le attività all’aperto

E per chi non ce l'ha?

Per chi non ce l'ha inizia un periodo molto duro. In pratica è consentito andare a lavorare e a fare la spesa (oltre che in farmacia). Ma le restrizioni non finiscono qui, perché da febbraio saranno pieni anche gli effetti del decreto del 5 gennaio 2022, che in pratica impone l'obbligo vaccinale - anche per andare al lavoro - per tutti gli italiani che hanno 50 o più anni.

Riuscirà la combinazione dei due decreti a dare quella spinta che secondo il Governo è necessaria per convincere la restante popolazione non vaccinata a fare il "grande passo"? Al momento si calcola che gli italiani senza neppure la prima dose siano circa 6 milioni.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter