Cronaca
Il caso

Corso Abbiate - Via Trino: la svolta obbligatoria che pochi rispettano

Una "furbata" classica, ma aumentata dopo la chiusura del cavalcavia di Corso Avogadro.

Corso Abbiate - Via Trino: la svolta obbligatoria che pochi rispettano
Cronaca Vercelli e dintorni, 03 Marzo 2021 ore 15:36

Quello tra corso Abbiate e via Trino è da anni l’incrocio più controverso della città. Ogni giorno si rischia una vera e propria strage di multe visto che non meno di quattro auto su cinque arrivate allo stop svoltano a sinistra per uscire dalla città anziché, come prescritto dai due cartelli ben visibili sui due lati della carreggiata, girare a destra e dirigersi verso la rotatoria all’intersezione tra la stessa via Trino e le vie Foscolo, Tasso e Paggi.

Il tutto per risparmiare tre minuti

Andare contromano è probabilmente considerato dagli automobilisti un modo per evitare un sicuro imbottigliamento alla rotatoria e risparmiare due/tre minuti di percorrenza.

Un tempo irrisorio ma che quando si è alla guida nelle ore di punta diventa evidentemente insopportabile. Peccato che questa infrazione (violazione del divieto di svolta a sinistra) può costare da 42 fino a 173 euro.

C'è chi fa di peggio

In quell’incrocio c’è poi chi fa peggio e percorre per pochi metri la pista ciclabile contromano per rientrare in corso Abbiate e risalirlo alla (probabile) ricerca del posteggio: una «furbata» che potrebbe costare molto più cara, in termini di sanzione, rispetto alla mancata svolta obbligatoria a destra.

La chiusura del cavalcavia

Quest’ultima deprecabile prassi è assai abituale in quell’incrocio: molte segnalazioni sono arrivate a tal proposito in redazione, specie dai malcapitati ciclisti che si vedono spuntare le auto davanti.

La situazione è notevolmente peggiorata con la chiusura del cavalcaferrovia dell’Aravecchia che ha portato tutto il traffico che percorreva corso Avogadro in quell’incrocio.

Daniele Gandolfi

Sul giornale in edicola un ampio fotoreportage.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter