Attualità
Vercelli

Nodo provinciale: "Quale futuro per l'Afghanistan?"

Da via San Cristoforo la richiesta di esporre le bandiere a mezz'asta in segno di solidarietà.

Nodo provinciale: "Quale futuro per l'Afghanistan?"
Attualità Vercelli e dintorni, 23 Agosto 2021 ore 13:37

La Provincia di Vercelli teme per il futuro della popolazione afghana: «Vedremo ancora sorridere quei bambini e quelle bambine?».

Cooperazione

«L’anno 2019 è stato definito dalla referente del Nodo provinciale contro le discriminazioni della Provincia di Vercelli :“What Women Want : # tutti gli altri giorni” e tra i vari progetti si era inserito il progetto di cooperazione civile per missione in Afghanistan con la raccolta di riso a favore di orfanotrofi promosso dal Reggimento di Artiglieria a cavallo della Caserma Scalise - ricordano dalla Provincia di Vercelli - Il progetto ha visto una donazione di circa 1 tonnellata di riso ad alcuni orfanotrofi con i quali ci si è anche collegati in video conferenza e che ha permesso di conoscere una realtà che pare così lontana ma che in realtà non lo è. Era la prima volta che una referente del Nodo si faceva promotrice di una iniziativa di questo genere e anche la prima iniziativa sul nostro territorio dove una rete di imprese ha promosso una solidarietà umanitaria».

Le discriminazioni

«Occuparsi di discriminazioni rientra tra i compiti della referente del Nodo provinciale della Rete regionale contro le discriminazioni e non consiste solo nel contrastare un trattamento non paritario attuato nei confronti di un individuo o un gruppo di individui in virtù della loro appartenenza ad una particolare categoria, ma anche solidarietà e inclusione di quei soggetti considerati “deboli” come bambini, donne e anziani - proseguono - Una attenzione particolare deve essere riservata sicuramente ai bambini in modo particolare a quelli degli orfanotrofi per consentire loro un futuro migliore e se il nostro riso era servito a regalare il sorriso anche solo a un bambino significa che abbiamo fatto una azione giusta. Lo dichiara Lella Bassignana referente del Nodo provinciale contro le discriminazioni».

Il futuro

«Ma quale sarà oggi il loro futuro? Vedremo ancora sorridere quei bambini e quelle bambine come ho visto nella videoconferenza? L’ Afghanistan è un buco nero e quei diritti conquistati con tanto sacrificio in questi 20 anni rischiano di essere vanificati in brevissimo tempo - temono - Chi ne farà maggiormente le spese saranno le donne, le giovani che si vedranno andare in spose ancora bambine, che torneranno ad essere vittime di violenze sessuali e che non potranno più andare a scuola e si ritornerà indietro di oltre 20 anni. Chiedo a tutti i Sindaci non solo della nostra provincia, a tutte le province di esporre le bandiere a mezz’asta come fatto dal Sindaco di Borgosesia per dimostrare la nostra vicinanza alle donne afghane e non lasciare sole queste donne che tanto hanno combattuto per rivendicare i loro diritti e per le quali non ci possiamo permettere che li perdano in un attimo».