Attualità
Ricordo della shoah

Giorno della Memoria: omaggio in Sinagoga agli ebrei deportati

Nel corso della manifestazione la presidente della comunità ebraica ha chiesto di poter avere anche a Vercelli le "pietre d'inciampo".

Attualità Vercelli e dintorni, 27 Gennaio 2022 ore 12:03

Un evento solo per autorità e stampa, ma ugualmente commovente, grazie anche al coinvolgimento degli studenti dell'Istituto Lagrangia, due allievi del Liceo Classico hanno deposto la corona ai piedi della lapide con i nomi delle vittime vercellesi della shoah, mentre due studenti del Liceo Musicale hanno suonato il violino durante la cerimonia. Sono poi stati letti tutti i nomi e ricordate alcune notizie storiche essenziali.



Presenti il Sindaco di Vercelli Andrea Corsaro, il Presidente della Provincia di Vercelli Eraldo Botta, l'arcivescovo Mons. Marco Arnolfo, il Prefetto Lucio Parente, autorità civili e militari, rappresentanti delle associazioni d'arma.

Vorremmo "Pietre d'inciampo" anche a Vercelli

Nel suo intervento la presidente della Comunità Ebraica di Vercelli Rossella Bottini Treves ha ringraziato tutti i presenti e i ragazzi intervenuti, sottolineando come anche in tempi complicati come l'attuale sia importante non trascurare la memoria. "Domenica scorsa - ha detto - abbiamo organizzato a Novara la "Run for mem", la corsa della memoria promossa dall'unione delle comunità ebraiche italiane, in quell'occasione sono state poste alcune "pietre d'inciampo" (targhe incastonate nel selciato ndr), mi piacerebbe che anche a Vercelli si potessero mettere, davanti ad alcune delle abitazioni dei deportati". Il Sindaco ha poi aderito a questa proposta che si potrà fare con un'opportuna cerimonia durante l'anno.

9 foto Sfoglia la gallery

Visitata la sinagoga

Le autorità hanno poi visitato la Sinagoga. La presidente della comunità ha ricordato che la nostra sinagoga è fra le 5 più grandi in Italia e che è da considerare un vanto per tutta la città, con il suo Museo ancora poco visitato per causa della pandemia.

Ha preso anche la parola il Prefetto Lucio Parente, da non molto in città, il quale ha detto: "E' stata un'iniziativa semplice ma solenne. Ho visto altre sinagoghe e questà è effettivamente una delle più belle"

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter