Attualità

Diapsi Brein: Successo Borgogna e domani serata Dante a Novara

Diapsi Brein: Successo Borgogna e domani serata Dante a Novara
Attualità Vercelli e dintorni, 04 Novembre 2021 ore 18:23

Nelle foto due momenti dell'iniziativa al Museo Borgogna del 24 ottobre e una delle borse del progetto Dante.

Domani, venerdì 5 novembre, Diapsi Brein  porta il progetto “Scuci e Ricuci incontra Dante” a Novara; un evento che si terrà alle ore 18.00 presso la sede dello “Spazio Vivace” in Via Rosselli 13, durante il quale verranno presentati i prodotti di Brein realizzati all’interno del Progetto “Scuci e RIcuci 2.0” con capi d’abbigliamento rivitalizzati e alcuni prodotti legati alla ricorrenza dei 700 anni dalla morte del “sommo poeta”.

Grande successo anche per “Scuci e Ricuci incontra il Museo Borgogna”, evento andato in scena lo scorso 24 ottobre, riguardo al quale la presidente di Diapsi Lorena Chinaglia sottolinea: “Con il Museo cittadino Diapsi ha una lunga collaborazione, sono stati loro, tramite la conservatrice Cinzia Lacchia, a darci lo spunto per declinare sempre più nel segno dell'arte e della cultura la produzione di borse, accessori e capi d'abbigliamento. L'evento del 24 ottobre è stato particolarmente emozionante. Il riscontro avuto dal pubblico è stato per noi un'iniezione di fiducia. Il percorso museale prevedeva l'abbinamento tra le opere esposte nelle sale e i prodotti che le riproducevano, sempre con tagli e allestimenti originali: le opere d’arte sartoriale erano infatti “parlanti”, cioè mostrate al pubblico e indossate da utenti e collaboratori di Diapsi che raccontavano, con un piccolo, ma incisivo pensiero, quale fosse stato lo spunto grazie al quale avevano preso vita passando dalla tela alla stoffa. Due membri dell’Associazione hanno accompagnato gli spettatori nel percorso di visita spiegando le modalità di realizzazione e la filosofia di Brein, mentre lo staff del Borgogna ha dato le informazioni sulla storia degli originali. Il tutto è avvenuto con forte coinvolgimento ed emozione ed è stato un modo originale per guardare e, in qualche modo, riscoprire le meravigliose opere d’arte del Museo. L’evento si è concluso con un piccolo colpo di scena: due danzatori e un violinista hanno stupito il pubblico con le note di un tango”.

La linea Sala Araba

La collaborazione fra Diapsi-Brein e il Museo Borgogna continua, perché il Museo, nel contesto della campagna per i restauri della Sala Araba, un progetto fortemente voluto dal presidente Francesco Ferraris, ha commissionato una serie di borse e accessori sul tema, con la riproduzione di alcuni dettagli della porta monumentale araba di Giuseppe Parvis.

In tal modo chi acquisterà uno di tali oggetti andrà a sostenete da una parte lo sforzo del Museo e dall'altro l'attività di Brein, portandosi a casa un prodotto unico da indossare o regalare.

 

Il progetto “Scuci e Ricuci”

Il Progetto “Scuci e RIcuci 2.0” è nato da un’idea di Diapsi realizzata grazie ad un bando del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in collaborazione con Regione Piemonte. Il Progetto, attivato dopo una prima edizione realizzata nel 2018/2019, sta per volgere al termine e ha visto l’attivazione di tirocini per persone che soffrono di un forte disagio psichico o che si trovano in una condizione di marginalità, all’interno del Laboratorio artigianale Brein. Grazie a questo Progetto, così come avvenuto per il precedente “Scuci e RIcuci”, gli utenti hanno potuto mettersi alla prova con la creazione di abiti esclusivi confezionati con altri capi d’abbigliamento conferiti dai vercellesi. “Scuci e RIcuci 2.0” ha inoltre permesso alle persone coinvolte di entrare in contatto con diverse istituzioni culturali, non solo vercellesi, ma anche di Novara e Verbania, con le quali sono stati organizzati eventi pubblici per diffondere i frutti del lavoro materiale e soprattutto la filosofia di intervento di Diapsi.