Attualità
Salute

Covid, tamponi, quarantena: orari e vademecum di Asl Vercelli

In vigore dal 9 gennaio 2023, tutti i casi e come ci si deve comportare

Covid, tamponi, quarantena: orari e vademecum di Asl Vercelli
Attualità Vercelli e dintorni, 10 Gennaio 2023 ore 14:24

Da lunedì 9 gennaio 2023 c'è un nuovo calendario per i tamponi Covid-19 a cura dell'Asl, inoltre sono state comunicate le ultime indicazioni ministeriali per la gestione dei casi e contatti, per cui vengono ricordati i vari casi con le relative prescrizioni.

Tabella orari e sedi tamponi dal 9 gennaio

Sede di Vercelli, via C. Colombo - dal lunedì al venerdì: 13.30-15.00; sabato e domenica 9.00-11.00

Sede di Borgosesia, via Illorini Mo - dal lunedì al venerdì 13.30-14.30; sabato 9-11; domenica chiuso.

Le regole

I cittadini in isolamento possono eseguire un tampone antigenico gratuitamente presso le strutture sanitarie pubbliche mediante accesso diretto o prenotazione, oppure a pagamento presso le Farmacie. Si consiglia comunque la prenotazione per ridurre i tempi di attesa legati alle procedure di inserimento dati.

I tamponi molecolari necessari saranno eseguibili solo dal lunedì al sabato, su prenotazione.
Si ricorda che i tamponi molecolari possono essere richiesti solo per viaggi in paesi in cui sia obbligatorio, ricoveri presso strutture extraregionali che lo richiedano e nei casi in cui sia presente il dato clinico ed epidemiologico di possibile infezione da SARS-COV2 con tamponi antigenici negativi.

Circolare 0051961-31/12/2022-DGPRE-DGPRE- Aggiornamento delle modalità di gestione dei casi e dei contatti stretti di caso COVID-19.

Per i casi confermati

Le persone risultate positive ad un test diagnostico molecolare o antigenico per SARS-CoV-2 sono sottoposte alla misura dell’isolamento, con le modalità di seguito riportate:

  • Per i casi che sono sempre stati asintomatici e per coloro che non presentano comunque sintomi da almeno 2 giorni, l’isolamento potrà terminare dopo 5 giorni dal primo test positivo o dalla comparsa dei sintomi, a prescindere dall’effettuazione del test antigenico o molecolare; Per i casi che sono sempre stati asintomatici l’isolamento potrà terminare anche prima dei 5 giorni qualora un test antigenico o molecolare effettuato presso struttura sanitaria/farmacia risulti negativo;
  • Per i casi in soggetti immunodepressi, l’isolamento potrà terminare dopo un periodo minimo di 5 giorni, ma sempre necessariamente a seguito di un test antigenico o molecolare con risultato negativo.
  • Per gli operatori sanitari, se asintomatici da almeno 2 giorni, l’isolamento potrà terminare non appena un test antigenico o molecolare risulti negativo.
  • I cittadini che abbiano fatto ingresso in Italia dalla Repubblica Popolare Cinese nei 7 giorni precedenti il primo test positivo, potranno terminare l’isolamento dopo un periodo minimo di 5 giorni dal primo test positivo, se asintomatici da almeno 2 giorni e negativi a un test antigenico o molecolare.

E’ obbligatorio, a termine dell’isolamento, l’uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 fino al 10mo giorno dall’inizio della sintomatologia o dal primo test positivo (nel caso degli asintomatici), ed è comunque raccomandato di evitare persone ad alto rischio e/o ambienti affollati. Queste precauzioni possono essere interrotte in caso di negatività a un test antigenico o molecolare.

La conclusione del periodo di isolamento avverrà, secondo le indicazioni date, senza ulteriore invio di sms al cittadino.

Contatti stretti di caso

A coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al SARS-CoV-2 è applicato il regime dell’autosorveglianza, durante il quale è obbligatorio di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2, al chiuso o in presenza di assembramenti, fino al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto. Se durante il periodo di autosorveglianza si manifestano sintomi suggestivi di possibile infezione da Sars-Cov-2, è raccomandata l’esecuzione immediata di un test antigenico o molecolare per la rilevazione di SARS-CoV-2.

Gli operatori sanitari devono eseguire un test antigenico o molecolare su base giornaliera fino al quinto giorno dall’ultimo contatto con un caso confermato.

Seguici sui nostri canali