Mercato Santhià: la replica di Beccaro

"Le prolunghe dei cavi sono nel retro dei banchi dove non c'è passaggio di persone"

Mercato Santhià: la replica di Beccaro
Santhià, 10 Gennaio 2020 ore 11:31

Mercato Santhià: la replica di Beccaro. L’assessore: “Le prolunghe dei cavi sono nel retro dei banchi dove non c’è passaggio di persone”

Mercato Santhià: la replica di Beccaro

In seguito alla segnalazione di Ornella Spagna sul restyling del mercato di piazza Zapelloni a Santhià è arrivata la risposta del Comune tramite l’assessore Beccaro.

“Il mercato – scrive l’assesore – ha visto una nuova conformazione dopo numerosi incontri e riunioni Tra l amministrazione comunale e la commissione mercatale. Come sempre l’idea poi è stata Vagliata dai professionisti di competenza i quali hanno verificato la compatibilità Con le norme di sicurezza vigenti.

Infatti la questione presa oggetto dalla cittadina Ornella Spagna riguarda la zona del retro dei banchi degli ambulanti dove i fruitori del mercato non devono passare né sostare. I fili che si vedono sono quelli degli ambulanti che collegano le loro attrezzature alle nostre prese. Nelle aree di passaggio dei clienti del mercato non ci sono cavi d’intralcio.

La questione degli scavi

Per quanto Concerne invece la questione scavi, presenti in questo ultimo periodo diverse zone della città, ma tutti ultimati L’ufficio tecnico con l’amministrazione comunale sta predisponendo una Modifica del regolamento Riguardante questa questione, nello specifico per quanto riguarda scavi che interessano i sottoservizi. Con tale modifica si intende attenuare i disagi causati da questi scavi e un meglio un migliore ripristino delle zone interessate senza intralciare o impedire l’effettuazione dei lavori”.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: