Lanino: “Uomini, cani e…”

Un'esperienza di dog therapy per conoscere meglio il migliore amico dell'uomo

Lanino: “Uomini, cani e…”
08 Giugno 2016 ore 18:58

Un’esperienza di dog therapy per conoscere meglio il migliore amico dell’uomo

L’Istituto Professionale “Lanino” è sempre molto attivo nel proporre ai propri ragazzi occasioni formative ma allo stesso tempo anche divertenti. Ecco la relazione di come è andato uno di tali progetti che si ripete già da parecchi anni.

Da diversi anni l’Istituto professionale “Lanino” propone alle classi seconde un’esperienza didattica particolare: il progetto “Uomini, cani e…” che , con l’intervento di cani addestrati dalla dottoressa Elena Goi, docente di Zooantropologia didattica e specializzata in Pet therapy , si propone di offrire agli alunni informazioni e strumenti nuovi extrascolastici.

In particolare con la dottoressa Goi gli allievi hanno imparato, attraverso la Dog Therapy, a relazionarsi e a conoscere meglio il cane, il fedele amico dell’uomo.
Capire meglio il mondo dei cani, imparare come comunicano e soprattutto riflettere sulle loro e sulle nostre capacità di cogliere i bisogni dell’ “altro”, sia umano o animale, sono stati gli obiettivi del progetto.
Le lezioni sono state interattive; agli alunni è stato chiesto di osservare, riflettere, lavorare in gruppo… in “ collaborazione” con gli amati segugi.
L’indirizzo di studi socio-sanitario porta dunque anche ad approfondire la Pet therpy per apprendere come ci si forma e come si svolgono gli interventi con gli animali.

Qust’anno si è lavorato con una classe numerosa, molto vivace e con diverse alunne inizialmente “preoccupate” per esperienze negative precedenti con cani o per non aver mai avuto contatti con loro e quindi con paure .

Eppure è stata un’esperienza fantastica: tutti gli alunni hanno collaborato mettendosi in gioco, lavorando in gruppo con entusiasmo e aiutandosi a vincere i timori, creando così un buon rapporto di fiducia con i cani. Le lezioni si sono svolte in un clima sempre più disteso e divertente e sono state proprio le ragazze che inizialmente avevano perplessità a legare di più con Leda, Kiki, Nana, Blue e Bobina.
Un progetto molto interessante che ha permesso agli alunni di svolgere un’attività didattica utile, formativa e piacevole.
Un ringraziamento alla professoressa Fulvia Merciari, referente del progetto per la scuola, e alla dottoressa Elena Goi.

La redazione dell’I.P.C. Lanino

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità