Menu
Cerca
Regionale

I Giochi mondiali universitari 2025 saranno in Piemonte: una vittoria per il sistema universitario regionale

Dopo l’assegnazione della FISU, il Presidente Edisu Sciretti: “ora si ingrana la marcia più importante per potenziare il diritto allo studio universitario regionale”.

I Giochi mondiali universitari 2025 saranno in Piemonte: una vittoria per il sistema universitario regionale
Cultura 15 Maggio 2021 ore 18:10

A seguito dell'ufficializzazione del Piemonte sede dei Giochi Mondiali Universitari invernali del 2025, avuta questa mattina nel corso della cerimonia di assegnazione della Federazione internazionale sport universitario - seguita in streaming nella Sala conferenze di Unito nello stabile della Cavallerizza da tutti i componenti del comitato promotore per la candidatura del Piemonte ai giochi (Edisu, CUS Torino, Unito, Polito, UPO, Città di Torino, Regione Piemonte, Cusi) e dai rappresentanti politici e istituzionali del territorio - il Presidente di Edisu Piemonte Alessandro Sciretti esprime grande soddisfazione per il risultato e dichiara: “Oggi scriviamo un nuovo pezzo di storia per il territorio intero, ma specialmente per il sistema universitario piemontese e ora si ingrana la marcia più importante per potenziare il diritto allo studio universitario: attraverso le opportunità di investimento che un grande evento mondiale come le Universiadi ci offre, riusciremo a compiere un cambio di passo reale e concreto per i servizi destinati agli studenti e alle studentesse. Tra quattro anni potremo finalmente contare su nuove strutture che ci garantiranno la creazione di ben 1700 nuovi posti letto che renderanno il Piemonte finalmente competitivo a livello internazionale”.

Un grande risultato. Le Universiadi invernali 2025 si svolgeranno in Piemonte, con sede principale nel capoluogo torinese e altri luoghi che coinvolgono anche l’area del Piemonte Orientale. L’assegnazione è giunta in fine mattinata nel corso dell’incontro decisivo della FISU (International University Sports Federation), che ha premiato all’unanimità gli sforzi dell’interno sistema istituzionale piemontese, battendo Stoccolma, l’altra temibile candidata.

L'entusiasmo del rettore Avanzi

Il professor Gian Carlo Avanzi, rettore dell’Università del Piemonte Orientale, è entusiasta di questa consegna che vedrà protagonista anche l’Ateneo da lui presieduto. «Queste grandi vittorie premiano il lavoro in squadra, la contaminazione delle idee, che caratterizzano il piano strategico dell’UPO. Ho già comunicato la splendida notizia al CUSPO, il Centro Universitario Sportivo Piemonte Orientale, agli studenti e agli uffici dell’Ateneo, esortando tutti a dare il massimo contributo per i risultati migliori che si potranno ottenere. Gli investimenti per le Universiadi, oltre tutto, avranno una conseguente ricaduta in termini di strutture e di residenze universitarie, permettendoci così di accogliere un numero sempre maggiore di studenti che apprezzano la didattica della nostra Università».

Si calcola che nel 2025 siano attesi tremila partecipanti e duemila volontari da tutto il mondo. Alcune gare sono programmate in Valsesia.

La felicità del Presidente Cirio

“Abbiamo lavorato per due anni aspettando questo momento e adesso siamo felicissimi di poterlo festeggiare, perché le Universiadi rappresentano un evento sportivo straordinario, ma anche una grande occasione per ricordare al mondo la bellezza del nostro territorio. Le Universiadi sono nate a Torino. Sono nate in Piemonte. E il Piemonte non vede l’ora di tornare a ospitarle”.

Il commento dell'Assessore Tronzano

“Torino città sportiva e universitaria con una forte attenzione e appeal per i giovani. La Regione Piemonte crede molto nei valori dello sport e della gioventù e la splendida notizia che le Universiadi invernali si terranno a Torino e nel nostro territorio dà valore al nostro impegno per valorizzarli al massimo” - commenta così l’Assessore al Bilancio Andrea Tronzano la notizia della designazione del FISU che ha ufficializzato Torino quale sede di questo importante evento –

“A Bilancio abbiamo inserito la somma di 5 milioni dedicata proprio alle Universiadi per arrivare pronti al 2025. Che questa notizia – continua l’Assessore Tronzano - giunga proprio nel mese che ha visto il passaggio del Giro d’Italia di ciclismo, con un forte impegno del nostro Ente e soprattutto con un grande ritorno di immagine e di attenzione per il territorio piemontese è un segnale fortissimo. Il Piemonte riparte”.

Torino protagonista, vince tutta Italia

“Torino sarà la sede delle Universiadi Invernali del 2025, a vincere è tutta l’Italia. Per i nostri giovani per tutti gli studenti universitari e per tutti coloro che hanno creduto in questo grande evento, dal governo alla Regione Piemonte, così come la città e le università coinvolte. Questo è un traguardo raggiunto di notevole importanza che ci rende onorati ma anche consci che è il momento di lavorare insieme per Torino: sarà una perfetta occasione per investire sulle infrastrutture della città e dell’hinterland e operare sulle criticità. Siamo contenti che con le mozioni approvate in Senato giovedì scorso abbiamo dato forza e sostegno a questo importantissimo evento mondiale”. Lo affermano in una nota i senatori piemontesi della Lega Giorgio Maria Bergesio, Marzia Casolati, Roberta Ferrero, Enrico Montani e Cesare Pianasso, a margine della votazione della Fisu nella quale Torino ha battuto Stoccolma.

La soddisfazione di Preioni

Il presidente Alberto Preioni, a nome di tutti i consiglieri del gruppo Lega Salvini, saluta con soddisfazione l’aggiudicazione delle Universiadi 2025 e ringrazia l’assessore allo Sport, il leghista Fabrizio Ricca, per lo straordinario lavoro svolto.

“Un altro successo conquistato grazie all’impegno della Lega - commenta il presidente Preioni - e al lavoro del nostro assessore allo Sport Fabrizio Ricca. Mentre altri rinunciavano a una opportunità irripetibile come quella di riportare sulle nostre montagne le Olimpiadi invernali, noi lavoravamo senza sosta per far tornare le Universiadi dove sono nate, a Torino. Lo sport si conferma sempre più un fondamentale asset di crescita per il nostro Piemonte, come hanno dimostrato anche le prime tappe del Giro d’Italia. Una vetrina unica per far conoscere in Italia e nel mondo le bellezze del nostro territorio e per ripartire dopo le difficoltà della pandemia”.

Sìamo Futuro Piemonte plaude all’assegnazione delle Universiadi 2025 a Torino

Il coordinatore Sìamo Futuro del nord-ovest Gabriele De Simone e il coordinatore piemontese Gian Marco Moschella esprimono soddisfazione per l’assegnazione

Nel pomeriggio di ieri, sabato 15 maggio, la Federazione Internazionale Sport Universitari ha assegnato alla città di Torino il compito di organizzare le prossime Universiadi invernali del 2025. Una candidatura che Sìamo Futuro Piemonte, prima tra tutte le rappresentanze studentesche, ha concretamente sostenuto e ne ha fatto uno dei propri cavalli di battaglia nell’ultima tornata elettorale universitaria, convinti che la manifestazione porterà nuovi benefici e visibilità a tutto il territorio regionale.

“Un sentito ringraziamento, da parte di tutta l’associazione universitaria, è rivolto alla Regione Piemonte, al Comune di Torino, agli atenei piemontesi, al Cus, al Cusi Piemonte, ad Edisu e a tutte le rappresentanze del territorio che hanno sostenuto la candidatura da Roma che, attraverso uno sforzo corale, sono riusciti ottenere il massimo risultato - il commento di Gabriele De Simone e Gian Marco Moschella, rispettivamente coordinatore del nord-ovest e coordinatore piemontese di Sìamo Futuro -. L’evento porterà nuovi investimenti per il sistema universitario con il miglioramento dei servizi allo studente, tanto attesi da anni, in modo particolare a quello abitativo, con la creazione di 1700 nuovi posti letto che verranno ereditati dall’università”.

“Con l’assegnazione delle Universiadi invernali 2025 alla città di Torino, il territorio piemontese dimostra di voler guardare oltre le chiusure che hanno caratterizzato l’ultimo anno e mezzo sfruttando lo sport come veicolo per la ripartenza - dichiara Marco Primatesta, responsabile del Dipartimento Sportivo Sìamo Futuro Piemonte-. Spero che venga data agli studenti l'occasione di essere parte integrante dell’organizzazione e della realizzazione dell’universiade, anche in integrazione ai tirocini formativi. Questo evento di caratura mondiale, garantirà nuovo lustro e visibilità agli impianti sportivi piemontesi, lo sport deve essere, sempre più, parte integrante dell’università”.