Borgo Vercelli

Venerdì si torna a ballare: riapre Il Globo

La maxi-discoteca riapre dopo il lungo stop dovuto all'emergenza sanitaria.

Venerdì si torna a ballare: riapre Il Globo
Vercelli e dintorni, 06 Luglio 2020 ore 11:32

Significativo segnale di ripresa dopo il lockdown: torna ad aprire le sue porte Il Globo di Borgo Vercelli.

Si torna in pista

Era dal 23 di febbraio, ultimo giorno di apertura, che tutti gli affezionati clienti della maxi discoteca «Il Globo» di Borgo Vercelli stavano aspettando di poter tornare a ballare. Il countdown è iniziato, infatti venerdì 10 luglio ci sarà la riapertura del locale, che coinciderà con l’apertura del Giardino Estivo. Per info e prenotazioni: 346-5229673. «Vi aspettiamo per tornare a divertirci tutti insieme ma in sicurezza». Questo è il motto coniato per questo ritorno. La conferma è arrivata al termine di giorni convulsi nel tardo pomeriggio di venerdì 3 luglio, quando il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato l’ordinanza che consente la riapertura delle sale da ballo.

L’ordinanza

«Il Piemonte – commenta il titolare della discoteca nonché esponente del sindacato di categoria Guido Ambrogione – è l’ultima regione d’Italia a emettere l’ordinanza per il ritorno all’attività del nostro settore. E’ finito un vero calvario…Già in pieno lock-down, come associazione di categoria avevamo lavorato a lungo per questo risultato. In Piemonte le ultime settimane sono state un altalenarsi di speranze e disillusioni, ad un certo punto era sembrato che si potesse già partire nello scorso fine settimana, poi c’è stato uno stop e, infine, quando la Regione Lombardia ha annunciato la decisione di riaprire, si è sbloccata anche per il Piemonte. In tutto questo il presidente Cirio ci ha incontrati più volte e si è comunque interessato, ma c’era ancora un po’di timore che poi è stato fugato anche dal netto miglioramento della situazione sanitaria piemontese».

Le precauzioni

Quali sono le prescrizioni? «Non si dovrà indossare la mascherina, anche se è meglio portarla con sé, all’ingresso verrà rilevata la temperatura e si dovranno igienizzare le mani. I percorsi di ingresso e uscita sono differenziati. Il ballo è consentito solo all’esterno, ma noi abbiamo appunto un magnifico giardino estivo, che permette di accogliere tutti senza problemi. In pista bisognerà rispettare la distanza di due metri, però i congiunti potranno avvicinarsi anche di più, fra questi naturalmente anche i fidanzati. Un dettaglio fondamentale soprattutto per il La-tino-Americano. Al di fuori del-la pista basterà tenere il metro di distanza. Fra le azione che abbiamo messo in atto anche la frequente sanificazione dei bagni». Dunque si torna ad animare la notte alle porte della città. Una notizia positiva non solo per il “popolo della notte” ma anche per chi di “ballo” ci vive. Un centinaio di persone fra dipendenti e indotto, che in questi mesi sono rimasti sconsolatamente a casa.

Movida

La speranza di tutti è di non chiudere più. «Non vediamo l’ora di rivedere i nostri amici – dicono dal locale- perché per noi sono amici e non clienti. Durante il lock-down ci hanno incoraggiato dicendoci di non mollare… E noi li avevamo tenuti collegati con le serate disco dalla pagina Facebook. Adesso finalmente potremo stare di nuovo insieme, in allegria ma anche in piena sicurezza». C’è un ulteriore aspetto positivo che Ambrogione aveva sempre accennato in precedenza. «Leggo sui giornali della polemica sulla “movida” molesta in centro a Vercelli, ebbene come ho sempre ribadito il nostro ruolo sociale è anche quello di offrire un luogo in cui ci si può divertire senza disturbare nessuno e in modo certo più costruttivo e soddisfacente che non ciondolare per strada fino a tarda notte». Dunque è tutto pronto per il ritorno dei fine settimana danzanti. Siamo ancora lontani dalla normalità al pre-Covid, ma certamente riaprire significa essersi lasciati alle spalle il peggio e poter tornare, seppure gradualmente, alle abitudini di prima.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità