Operazione della Finanza

Sequestro da 1,6 milioni per una ditta del Vercellese

Dieci persone coinvolte, in esame dieci anni di affari dubbi.

Sequestro da 1,6 milioni per una ditta del Vercellese
Vercellese, 02 Ottobre 2020 ore 11:56

Operazione della Guardia di Finanza di Vercelli in una ditta del Vercellese con un pesante sequestro di beni, il tutto in chive anti mafia.

Dopo articolate indagini di carattere patrimoniale, i finanzieri del Comando Provinciale di Vercelli hanno infatti dato esecuzione al provvedimento di sequestro, emesso dal Tribunale Ordinario di Torino (Sezione Misure di Prevenzione), nei confronti di una di decina di soggetti di origine calabrese, residenti da decenni nella provincia di Vercelli, considerati portatori di pericolosità sociale qualificata perdurante.

Il sequestro della società

In esecuzione del provvedimento del Tribunale è stato operato il sequestro della società facente capo alle persone di cui sopra- operante principalmente nel settore della cantieristica stradale e dei trasporti – e di tutte le disponibilità finanziarie e dei beni mobili ed immobili dagli stessi illecitamente acquisiti o comunque, direttamente o indirettamente a loro riconducibili.

La procedura ablatoria si è conclusa con il sequestro di ben 14 beni immobili insistenti tra le province di Vercelli e Catanzaro e 44 tra veicoli e automezzi pesanti (sia ad uso privato che aziendale), le quote societarie nonché diversi rapporti finanziari.

Un valore di 1,6 milioni di euro

Il valore dei beni sequestrati è stato stimato in circa 1,6 milioni di euro e sono stati già immessi in possesso dell’amministratore giudiziario nominato dal Tribunale di Torino, che curerà anche l’ordinaria prosecuzione dell’attività aziendale.

Un decennio di affari dubbi

Nel corso degli approfondimenti investigativi svolti, i finanzieri vercellesi hanno proceduto alla ricostruzione degli investimenti patrimoniali e societari posti in essere dal sodalizio criminale nell’ultimo decennio, elaborazioni che hanno consentito di accertare i nessi tra pregresse attività delittuose e flussi di ricchezza impiegati nell’acquisizione di beni mobili ed immobili e, soprattutto, in investimenti societari nell’azienda facente capo alla compagine criminale.

Mediante tali attività è stata così appurata la serialità ed abitualità dei proposti alla commissione di attività delittuose, dimostrando altresì la sussistenza della correlazione temporale tra pericolosità sociale ed incrementi/sproporzioni patrimoniali, incompatibili con il profilo reddituale dichiarato.

Aggredire le ricchezze illecite

L’operazione si inserisce nell’ambito delle attività del Corpo finalizzate all’aggressione delle illecite ricchezze acquisite e riconducibili, direttamente o indirettamente, a contesti delinquenziali, a tutela e salvaguardia, della parte sana del tessuto economico nazionale, mai come in questo periodo sottoposta a illegali pressioni da parte del crimine organizzato.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità