Cronaca
Il caso

Roberto Rosso: chiesto il rinvio a giudizio

Il gup ha detto no all'accorpamento con l'inchiesta Carminius.

Roberto Rosso: chiesto il rinvio a giudizio
Cronaca Vercelli e dintorni, 10 Febbraio 2020 ore 11:51

La procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex assessore regionale: l’accusa è quella di voto di scambio politico-mafioso.

Il rinvio a giudizio

La procura della Repubblica di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio per Roberto Rosso. L’ex assessore regionale è chiamato a rispondere di voto di scambio politico-mafioso: secondo le accuse, avrebbe “acquistato” dei voti in seno ad ambienti malavitosi. L’ex esponente di Fratelli d’Italia respinge invece le accuse.

L’inchiesta Carminius

Contrariamente a quanto richiesto dalla procura di Torino, la vicenda legata a Rosso non sarà accorpata, almeno al momento, all’inchiesta Carminius, relativa alla presenza della criminalità organizzata nella zona di Carmagnola. Lo ha stabilito il gup.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter