Ambiente

Pro Natura Piemonte: “No deroghe al divieto bruciatura stoppie”

L'associazione chiede che i comuni ritirino le ordinanze già emesse.

Pro Natura Piemonte: “No deroghe al divieto bruciatura stoppie”
Vercellese, 05 Novembre 2020 ore 10:48

Una lettera inviata alla presidenza della Regione, Arpa e altri diversi enti e dipartimenti statali e locali, con la quale Pro Natura spiega perché non di dovrebbero concedere deroghe al divieto di bruciare le stoppie, che sono invece permesse, fino a 15 giorni anche non continuativi per le coltivazioni di pianura. Fra le motivazioni anche il contrasto alla pandemia.

Deroghe dal 1° novembre

“In piena emergenza Covid sono moltissime le ordinanze emanate dai Comuni atte a permettere gli abbruciamenti di materiale vegetale in deroga al divieto stabilito dalle norme in tema di inquinamento atmosferico, nel periodo 1 novembre-31 marzo; tale deroga è consentita dalla Regione Piemonte, con legge emanata il 18 febbraio 2020, per un massimo di 30 giorni anche non continuativi per i Comuni montani e 15 giorni anche non continuativi per le aree di pianura.

Le ordinanze già emanate consentono deroghe a partire dal 1 Novembre, in ragione anche del termine della stagione di raccolta castagne.
E’ risaputo, come emerso da studi scientifici pubblicati anche durante la prima fase di emergenza Covid a inizio 2020, che gli inquinanti prodotti dai processi di combustione e in particolare le polveri sottili rappresentano un fattore aggravante la diffusione del virus, oltre ad abbassare le difese immunitarie; buone norme di prevenzione dovrebbero quindi suggerire di limitare al massimo la produzione di questi inquinanti, tanto più se emessi a seguito di operazioni insensate quali gli abbruciamenti delle biomasse (fonte significativa di emissioni inquinanti), così come condotti attualmente.

Si tratta spesso di totale eliminazione di foglie e residui del sottobosco che hanno una funzione ecologica importantissima per la salute e la fertilità del suolo e la biodiversità, oggi sempre più minacciata. Non è giustificabile, né risponde a verità, condurre in questo modo la cosiddetta “pulizia” dei boschi, sostenendo che “si è sempre fatto così”. Detti interventi sono oggi facilitati e portati al massimo della capacità di eliminazione grazie all’uso di mezzi meccanici quali i soffiatori/aspiratori di foglie e la successiva totale combustione. Operazioni molto dannose per il mantenimento a medio-lungo periodo della fertilità dei boschi e per la salute, a causa dell’inquinamento atmosferico che si produce.

In gioco la salute; ordinanze da ritirare

I sindaci dovrebbero essere ben consapevoli di questo, in quanto massima autorità sanitaria locale; le ordinanze oggetto della presente vanno invece nella
direzione opposta alla tutela della salute pubblica, a maggior ragione in un momento delicato e grave come quello attuale.

In questo particolare contesto è altrettanto grave che l’ente Regione non intervenga a bloccare ed eliminare queste deroghe; tale prerogativa è peraltro
concessa anche ai sindaci, ai sensi dei limiti posti dal decreto legislativo 152/2006 all’art 182, che prevede la possibilità di sospendere, differire o vietare l’abbruciamento delle sterpaglie in tutti i casi in cui sussistano condizioni meteorologiche, climatiche o ambientali sfavorevoli, con particolare riferimento al rispetto dei livelli annuali delle polveri sottili. Ricordiamo che in questo periodo ricorrono proprio tali condizioni.

Proprio in questi giorni è arrivata la notizia che l’Italia è di nuovo nel mirino della Commissione europea per la cattiva qualità dell’aria, con riferimento alle emissioni di particolato PM 2,5, dopo le procedure già avviate contro il nostro Paese per il PM 10 e gli ossidi di azoto.

Anche l’Ue chiede di ridurre le emissioni

La Commissione ha inviato una lettera di costituzione in mora all’Italia, che ora ha due mesi di tempo per rimediare alle carenze individuate dalla Commissione
stessa. In caso di inadempienza, la Commissione avvierà la procedura di infrazione.

Si chiede, quindi, a tutti gli organi competenti oggetto della presente comunicazione di intervenire, a maggior ragione anche a seguito di questa decisione della Commissione UE, per bloccare le ordinanze di deroga agli abbruciamenti”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità