Presepe dell'accoglienza a Vercelli e Prarolo

Presepe dell'accoglienza a Vercelli e Prarolo
Vercelli e dintorni, 15 Dicembre 2017 ore 18:41

Presepe dell'accoglienza a Vercelli e Prarolo realizzato da migranti.

Presepe dell'accoglienza

Giuseppe e Maria hanno avuto problemi simili a quelli dei richiedenti asilo... Nessuno li voleva nella propria casa e così il Salvatore dell'umanità è nato in una stalla. Ecco uno dei tanti motivi per cui l'operazione realizzata grazie alla Cooperativa Versoprobo è da encomiare.
Ad allestire la classica maternità del presepe sono stati Modo Cham (18 anni, Gambia) , Ali Raza (21 anni Pakistan), Khalil Mustafa (31 anni Pakistan), George Bird (27 anni Nigeria) raffigurati in foto. Tutti migranti che hanno richiesto asilo. Hanno realizzato e allestito il presepe all’interno del cortile della sede della Cooperativa Versoprobo. Visibile dalla strada di Corso Prestinari al numero 162. Il secondo presepe è a Prarolo , S.S.31 Regione Montoliveto n7.

Le due installazioni sono state realizzate grazie l’aiuto di Marco Ciocca, Consigliere della Cooperativa Versoprobo. Ha collaborato anche Matteo Giammarinaro (34) , insegnante di discipline plastiche presso il Liceo artistico di Vercelli Trino.

L’iniziativa è partita dai ragazzi stessi con la volontà di ringraziare per l’accoglienza e l’ospitalità del territorio vercellese, nel pieno rispetto della nostra tradizione italiana e religione cattolica.

Versoprobo sottolinea:” I ragazzi hanno iniziato ad occuparsi del presepe una settimana fa. Quello che ci colpisce è come questi ragazzi musulmani abbiano voluto realizzare un presepe. Un gesto di totale rispetto verso una religione e una cultura diversa dalla loro. Il piacere di vedere ragazzi musulmani insieme anche a ragazzi cristiani ospiti nei nostri centri è significativo di come questo Natale possa essere un Natale di piena condivisione. Un Natale di apertura, accoglienza e integrazione. Invitiamo i vercellesi a visitare le installazioni. Soprattutto in orario serale perchè molto suggestive”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter