Ospedale Vercelli: ricorso per il Concorso di Anestesia

Il dottor Marzio Grigolon contesta le valutazioni sull'esperienza professionale.

Ospedale Vercelli: ricorso per il Concorso di Anestesia
Vercelli e dintorni, 28 Maggio 2018 ore 15:13

Ospedale Vercelli: ricorso per il Concorso di Anestesia. Il dottor Marzio Grigolon contesta le valutazioni sull'esperienza professionale.

Ospedale Vercelli: ricorso per il Concorso di Anestesia

In contemporanea all’annuncio dato dal Direttore Generale della nostra ASL Chiara Serpieri dell’assunzione di Carlo Olivieri quale nuovo primario della Struttura Complessa di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Sant’Andrea, anche sul sito ufficiale dell’Azienda la procedura del concorso risulta ora conclusa.

Il cittadino interessato alla vicenda, dopo aver letto il nostro giornale, può così apprendere che la delibera del Direttore Generale n. 196 che attribuisce la direzione di Anestesia e Rianimazione a Olivieri è del 20 marzo scorso.

L’atto è quindi stato pubblicato quasi due mesi dopo la sua assunzione da parte del Direttore Generale.

La nomina di Olivieri

La delibera per l’assunzione del primario della Struttura Complessa di recupero e rieducazione funzionale Giovanni Sguazzini Viscontini, annunciato da Serpieri giovedì 17 maggio, con Olivieri, è del 7 maggio scorso ed è già pubblicata.

Il Direttore Generale dell’ASL ha ritenuto di procedere all’attribuzione dell’incarico quinquennale di direzione della rianimazione, si legge nella delibera, perché il dottor Olivieri: «ha evidenziato un’ottima conoscenza delle problematiche organizzative-gestionali e cliniche sottoposte ed il cui profilo aderisce al profilo professionale esplicitato nel testo dell’avviso».

Il punto su cui si basa il ricorso

I lettori ricorderanno che il documento sottoscritto da alcuni sostenitori del dottor Marzio Grigolon, colonna del reparto dal lontano 1994, giunto alla redazione di Notizia Oggi, puntava il dito proprio sull’aderenza al profilo professionale dove Grigolon ha ottenuto 8 punti su 10 mentre il medico novarese ha ricevuto dalla Commissione giudicatrice solo 5 su 10 perché il suo profilo professionale aderisce: «in maniera ottimale per (manca il quanto n.d.r.) riguarda l’attività rianimatoria ed il campo dell’emergenza mentre è scarsamente documentata quella in campo anestesiologico». Va precisato che la nomina da parte del Direttore Generale è sostanzialmente fiduciaria e Serpieri avrebbe potuto scegliere anche il secondo o il terzo della graduatoria, motivando accuratamente la scelta, come è già avvenuto in altre ASL.

Atti depositati al Tribunale di Vercelli

Nel frattempo, come da noi preannunciato, Marzio Grigolon ha dato mandato all’avvocato Filippo Campisi per ricorrere contro la scelta dell’ASL.

Campisi, sentito telefonicamente, ha inviato una breve nota che riportiamo per intero per illustrare la sua posizione e quella del suo assistito: «Con riferimento all'articolo pubblicato lunedì scorso relativamente all'attribuzione dell'incarico di Direttore della Struttura Complessa di Anestesia e Rianimazione dell'ospedale di Vercelli mi limito a confermare che nell'interesse del dr. Marzio Grigolon, rivoltosi a me ed al collega Andrea Uga, è stato depositato nei giorni scorsi un ricorso al Tribunale di Vercelli, Sezione Lavoro, evidenziando più di un profilo di illegittimità nell'attribuzione dell'incarico al dottor Carlo Olivieri.

Il merito delle difese, in questa fase, è doverosamente riservato all'attenzione del Giudice all'udienza che si terrà prossimamente. Da parte sua il dottor Grigolon, pur amareggiato, sta affrontando la vicenda con serenità e fiducia, nonché continuando a svolgere quotidianamente il proprio lavoro in ospedale con l'impegno e la professionalità che notoriamente gli sono ampiamente riconosciuti».

L’ultima parola sulla vicenda, ora, la scriverà la sentenza del Tribunale.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter