L'appello

Ordine dei medici: “Dpi insufficienti, Asl Vc e Regione provvedano”

Preziosi gli aiuti ricevuti ma non bastano a fronteggiare l'emergenza.

Vercelli e dintorni, 08 Aprile 2020 ore 15:51

Siamo da oltre 40 giorni nell’emergenza epidemica ma i medici di famiglia che operano sul territorio sono ancora scarsamente protetti perché l’invio dei Dpi è stato parziale e non copre le necessità, nonostante il prezioso aiuto di Carlo Olmo e di altri benefattori. Da qui la richiesta alla Regione Piemonte, e all’ASl Vc da parte dell’Ordine dei Medici della Provincia di Vercelli, di inviare altre dotazioni.

Il testo della lettera-appello

Sin dall’inizio dell’attuale pandemia di COVID-19 è stata evidente la sproporzione tra forze in campo e strumenti di protezione rispetto al numero di persone da visitare e curare dentro e fuori gli ospedali.

L’obiettivo dell’Ordine di Vercelli è stato dunque quello di mettersi a disposizione di medici, cittadini e istituzioni per quanto di propria competenza.
Costante è stata l’interazione e la collaborazione con ASL e Unità di Crisi regionale in accordo con gli altri Ordini provinciali piemontesi.

Carenza di Dpi mai risolta

Ciononostante duole dover rimarcare come la carenza importante di DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) sia stata evidente sin dai primi giorni e tuttora non risolta.
Soprattutto sul territorio difficoltosa è stata l’assistenza a domicilio la cui esecuzione ha comportato per i sanitari, in assenza delle dovute protezioni, un rischio di contagio significativo.

Importante è stato il contributo di benefattori privati, primo fra tutti l’avvocato Carlo Olmo grazie alla cui donazione l’Ordine è stato in grado di distribuire DPI ai propri iscritti più esposti.
In questi giorni gli Ordini provinciali stanno ricevendo un significativo numero di mascherine parte di un quantitativo che il Ministero della Salute ha affidato alla FNMOCEO.

Distribuzione di 1.000 mascherine ai medici

La distribuzione delle mascherine (1000 giunte al nostro Ordine) ai propri iscritti (Medici di Medicina Generale, medici ospedalieri e liberi professionisti) inizierà a breve e la distribuzione, in considerazione della temporanea assenza del presidente dott. Fossale, sarà organizzata dai dottori Germano Giordano e Sergio Macciò in collaborazione con il dott. Giovanni Scarrone.

È evidente che, pur riconoscenti per il materiale giunto, tale quantitativo non sia sufficiente a coprire le reali necessità considerando al momento la difficoltà di reperire, soprattutto sul territorio, altri DPI (tute e occhiali protettivi tra le altre cose).

Unità di Crisi e Asl Vc agiscano subito

Auspichiamo dunque e sollecitiamo le istituzioni di riferimento (ASL e Unità di Crisi Regionale) ad affrontare e risolvere al più presto tale situazione in modo da garantire a tutti i sanitari ed ai pazienti una corretta assistenza senza esposizione a contatti non protetti.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità