Mutuo soccorso le bandiere in esposizione

La Soms compie 165 anni e festeggia con una mostra

Mutuo soccorso le bandiere in esposizione
Vercellese, 06 Agosto 2018 ore 17:57

Mutuo soccorso a Stroppiana la Soms compie 165 anni e festeggia con una mostra.

Mutuo soccorso in festa

La Soms di Stroppiana festeggia il suo 165° anniversario. Il 1° luglio 1853, infatti, veniva formalmente costituita la Società degli Operai Agricoltori e Giornalieri dalla quale trae origine l’attuale Soms di Stroppiana. Un compleanno importante: «Il nostro sodalizio – spiega la Presidente Claudia Borgo – si è impegnato in questi anni cercando di rendere attuali i principi che lo hanno retto nell’arco della sua storia. Per esempio, abbiamo cercato di dare continuità al settore dell’istruzione, un tempo come oggi, con la gestione, in convenzione con il Comune, del servizio di doposcuola».

La mostra

Per ricordare questo anniversario e in occasione della festa patronale, nella sede storica di via Mazzini 9, verrà ospitata la mostra fotografica “Una bandiera per un ideale. Il Mutuo Soccorso attraverso i suoi vessilli” realizzata dalla Fondazione “Centro per lo studio e la documentazione delle società di mutuo soccorso” onlus, che svolge attività legate alla conoscenza, valorizzazione, acquisizione e conservazione del patrimonio storico-documentale ed artistico del Mutualismo piemontese. La mostra, patrocinata dal Comune di Stroppiana, verrà inaugurata sabato 11 agosto, alle 21.30, e verrà introdotta da una conferenza di presentazione da parte di una delle due curatrici, Mariella Zanetta, della Fondazione.

Il lavoro di ricerca

La mostra, visitabile da sabato 11 a sabato 18 agosto, nasce da un articolato progetto di ricerca svolto negli anni dalla Fondazione ed ha comportato anche il finanziamento di interventi di restauro conservativo di questi particolari manufatti. Interventi finanziati dalla Regione Piemonte e dalla Fondazione, anche tramite uno specifico contributo a valere sull’otto per mille, a diretta gestione statale. Numerose bandiere sono state restaurate dalle monache dell’Abbazia benedettina “Mater Ecclesiæ” dell’Isola San Giulio, a Orta, che hanno dato vita ad un laboratorio tessile divenuto oggi uno fra i più qualificati a livello europeo, non solo per le tipologie di intervento, ma anche per la costante attività di ricerca ed approfondimento svolta.