Gara solidale

Medici e infermieri, eroi veri!: Olmo e Voloire consegnano tute e mascherine

Nelle prossime ore arriveranno anche 10.000 pezzi dalla città cinese di Pengzhou

Medici e infermieri, eroi veri!: Olmo e Voloire consegnano tute e mascherine
Vercelli e dintorni, 18 Marzo 2020 ore 16:24

L’Asl di Vercelli ha reso noto che è in atto la consegna di una fornitura di mascherine e altri dispositivi di protezione per medici e infermieri dell’ospedale Sant’Andrea. Consegna che fa parte della generosa donazione dell’avvocato Carlo Olmo che per la logistica di quest’operazione ha chiesto il supporto dei militari delle mitiche “Voloire” di stanza alla Scalise di Vercelli. Un abbinamento vincente.

La nota dell’Asl Vc

Prosegue la solidarietà e generosità nei confronti dell’Asl di Vercelli e degli operatori sanitari che in questi giorni sono in prima linea per curare i pazienti affetti da coronavirus. Un virus insidioso, che come è noto, richiede per il personale all’opera l’utilizzo di dispositivi di protezione individuali: i DPI.

Questa mattina – con il supporto degli artiglieri delle Batterie a Cavallo della Caserma Scalise – Carlo Olmo ha donato all’Asl di Vercelli il secondo carico di dispositivi di protezione individuale. La prima tranche era arrivata già nella tarda mattinata di ieri. Si tratta di duemila tute di protezione, duemila paia di guanti di nitrile e 700 occhiali-visiera. Nelle prossime ore arriverà il carico di 10.000 mascherine FFP3 proveniente da Pengzhou, città gemellata con Vercelli, già arrivato presso l’aeroporto di Malpensa. Inoltre dalla capitale Chengdu arriveranno nei prossimi giorni 21.000 mascherine FFP2 e FFP3 e una seconda spedizione con oltre 5000 guanti e 2000 tra soprascarpe e occhiali.

La Gallery

7 foto Sfoglia la gallery

Il grazie di Chiara Serpieri

“Ringrazio il maestro Olmo e il Reggimento Artiglieria a Cavallo per questo aiuto così fattivo e immediato. In questo momento di difficoltà – sottolinea Chiara Serpieri Direttore Generale dell’Asl di Vercelli – stiamo ricevendo molte richieste da parte del territorio per supportare le nostre strutture. Non posso che ringraziare a nome di tutta l’Azienda quanti in questo momento si stanno prodigando per farci sentire la loro vicinanza e il loro sostegno. Grazie soprattutto per questa concretezza che si misura con donazioni (strumentazioni, ausili, dispositivi ecc) che i nostri operatori – oggi impegnati sul campo a pieno regime – potranno utilizzare per trattare i pazienti affetti da coronavirus”.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità