Cronaca
Cronaca

Identificato il truffatore della chitarra, aveva colpito anche a Vercelli

Un 45enne di Peschiera Borromeo denunciato dopo un ennesimo colpo.

Identificato il truffatore della chitarra, aveva colpito anche a Vercelli
Cronaca 22 Aprile 2020 ore 15:58
Una notizia di cronaca che riportiamo dal portale Netweek primavicenza.it ha finito con riguardare di striscio anche Vercelli. Infatti  nella giornata di lunedì scorso, 20 aprile 2020, la Polizia locale “Alto vicentino” ha denunciato alla Procura della Repubblica di Vicenza A.R., un uomo 45enne residente a Peschiera Borromeo (MI), poiché ritenuto responsabile del reato di truffa aggravata nei confronti di un 46enne di Schio.

Prende i soldi e scappa

I fatti risalgono al 31 dicembre dello scorso anno, in un sito dio compra-vendita di strumenti musicali, la vittima aveva adocchiato un  affare: una chitarra elettrica modello Ibanez RGA 321, che andava via per l’importo di € 370,00. Previo accordi mediante chat Telegram, il musicista di Schio aveva accettato di versare al venditore l'intera somma a mezzo bonifico bancario. Vendita che si chiudeva  il 6 gennaio scorso. L'epilogo è stato simile a tanti altri casi che si segnalano di frequente: il bene oggetto di compravendita non è mai arrivato all'acquirente, mentre il truffatore eliminava il profilo dalla piattaforma del servizio di compravendita online e l'account Telegram, social peraltro noto per l’immediata distruzione della messaggeria.

La denuncia

Il raggirato si è dunque recato dalla polizia locale alto vicentino presentando regolare denuncia-querela.  Gli accertamenti eseguiti con la collaborazione dei "ghisa" milanesi, ha permesso di identificare l’autore del reato, nonostante varie residenze fittizie da questi dichiarate.

Ed è stato appurato in questa fase che A.R. si era già reso responsabile di fatto analogo in danno di un vercellese, più tanti altri truffati in altre parti d'Italia.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter