Hangar per il carnevale: proposta assurda

Vercelli Amica critica duramente il sindaco. "Costi insostenibili per il Comitato"

Hangar per il carnevale: proposta assurda
Vercelli e dintorni, 20 Gennaio 2018 ore 19:01

Hangar per il carnevale. La Forte propone al Comitato di costruire i carri nei capannoni all'aeroporto.

Hangar per il carnevale: e i costi?

Nessuno, a parte Notizia Oggi Vercelli, dice che il Carnevale ormai prossimo sarà il primo senza carri allegorici dal 1976. Sul numero in edicola lunedì 15 il sindaco Maura Forte ha dichiarato che per l'anno prossimo ha già trovato una soluzione per i carnevalanti: tutti nei vecchi hangar dell'aeroporto Del Prete, di proprietà comunale. E' già stato bandito un avviso all'Albo Pretorio per cui chi è interessato può candidarsi al comodato gratuito delle costruzioni. Prima di entrarne in possesso dovrà tuttavia sostenere costi enormi di ristrutturazione e messa a norma. La domanda sorge spontanea: ma il Comitato Manifestazioni Vercellesi ha tutti questi soldi?

L'intervento di Vercelli Amica

Maurizio Randazzo, Enrico Demaria e Stefano Pasquino di Vercelli Amica hanno presentato un'interrogazione al sindaco per far luce su una questione davvero molto poco chiara.

"Abbiamo letto, lunedì, sul settimanale “Notizia Oggi Vercelli” le dichiarazioni del sindaco Maura Forte sulla prospettiva di far rinascere il Carnevale vercellese, che quest’anno deve forzatamente limitarsi alle sfilate di gruppi mascherati, rinunciando alla grande tradizione dei carri allegorici (riattivata nel 1977), a causa della mancanza di una struttura idonea che consenta ai comitati carnevaleschi di costruire i carri. La struttura, pur fatiscente, c’era fino allo scorso anno in viale Torricelli, nell’area ex Montefibre, ma adesso, con l’imminente piano di risanamento della zona, ha dovuto essere abbandonata dai Carnevalanti. Ebbene, nelle dichiarazioni rilasciate al settimanale, Maura Forte  prospetta per il Comitato manifestazioni vercellesi la soluzione dei vecchi hangar militari  dell’aeroporto Del Prete, ora di proprietà del Comune, e dice di avere già disposto un pubblico avviso per una 'manifestazione di interesse' che potrebbe essere avanzata dal Comitato stesso.  Però nel “pubblico avviso” pubblicato all’Albo pretorio del Comune dal 29 dicembre,  c’è scritto espressamente, che tutte le spese per rimettere in sesto quella struttura abbandonata da anni e decrepita (comprese quelle invero onerosissime per il recupero, consolidamento e messa a norma) dovranno essere a carico del concessionario. Qui stiamo parlando di decine, se non di centinaia di miglia di euro. Ci domandiamo: che senso ha proporre  una cosa del genere al Comitato manifestazioni vercellesi? Quando mai tale Comitato, che da decenni è colonna portante del Carvè Varsleis, sarebbe in grado di assumersi un tale onere? Se davvero si vuole salvare il Carnevale vercellese, si studino altre soluzioni. Nel “Padrino” si parla di proposte che non si potevano rifiutare, questa , al contrario, ci pare che non si possa assolutamente non diciamo accettare, ma neppure ricevere.

L'interrogazione

Randazzo, Demaria e Pasquino chiedono alla Forte tre delucidazioni.

Se a suo avviso la soluzione prospettata potrà farsi sì che dal prossimo anno possano riprendere le sfilare dei carri allegorici, considerato che, per realizzare i carri, occorrono anche diversi mesi di duro lavoro da parte degli addetti dei rioni, e che dunque, la struttura, completata, dovrebbe essere messa a disposizione dei vari comitati carnevaleschi entro pochissimo tempo. Il che a noi pare francamente non ipotizzabile.

Se, sempre a suo avviso, il Comitato manifestazioni vercellesi, qualora dichiarasse, se già non l’ha fatto, la propria manifestazione di interesse, e fermo restando che si aggiudichi, “con la successiva idonea procedura di selezione a norma di legge” (sempre per riportare ciò che c’è scritto nell’avviso)  il diritto a ottenere l’affidamento dell’immobile, sia in grado di sostenere le spese “di recupero e consolidamento, messa a norma (manutenzione straordinaria), di manutenzione ordinaria e di gestione, ivi inclusa custodia e sorveglianza”, condizione indispensabile, secondo quanto recita l’avviso, per ottenere la concessione in comodato d’uso gratuito del complesso immobiliare.

Se siano prospettate soluzioni alternative meno onerose e di più immediata fruizione per il Comitato manifestazioni stesso.

 

ECCO IL LINK IN CUI SI TROVA L'AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER GLI HANGAR

http://www.servizipubblicaamministrazione.it/Siti/vrcll1280/AlboPretorio/2017/2017-003243-1.pdf

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter