Tricerro

Gara di solidarietà per Itan: raccolti quasi 32mila euro

Imponente mobilitazione per un bimbo rimasto senza genitori.

Gara di solidarietà per Itan: raccolti quasi 32mila euro
Cronaca Vercellese, 14 Dicembre 2020 ore 11:30

Grande ondata di solidarietà per un bimbo di Tricerro che non ha più i genitori.

Vicinanza a Itan

Venerdì scorso è stato consegnato un assegno di 31.930 euro a Itan, il bambino di 7 anni rimasto orfano lo scorso gennaio in seguito alla morte della mamma. «L’iniziativa – commenta Dario Foglia, presidente della Famija Trisereisa – è partita nei giorni successivi alla prematura scomparsa di Lorella Presutto, la mamma di Itan. Da quando si è manifestata la malattia a quando ci ha lasciato è passato pochissimo tempo. Siamo partiti subito con la raccolta fondi, con distribuzione di cassette per raccogliere offerte nel paese».

L’appello

«Siamo partiti con l’intenzione di raccogliere fondi nel nostro paese, ma poi mi è venuta idea di mettere l’appello su Facebook e c’è stata una vera e propria gara di solidarietà per questo bambino. Grazie anche al supporto della stampa locale molte persone hanno fatto un bonifico. Sono arrivate molte offerte. Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato alla raccolta e tutte le associazioni che hanno contribuito. Grazie al Comune di Vercelli e a Carlo Manzato, che aveva organizzato una serata di beneficenza per Itan al Civico di Vercelli, con un complesso che ha fatto un tributo ai Queen. Più di 400 persone hanno assistito allo spettacolo e abbiamo incrementato la raccolta».

 La cerimonia

La cerimonia ha avuto luogo alla presenza di Dario Foglia, presidente della Famija Tricereisa, Nella Goria (vice presidente), Flora Mancini (consigliere Famija), del sindaco Carlo Borgoe dell’assessore Gianni Demartini, Ketty Politi (assessore alle Politiche Sociali di Vercelli), Vittorina Maratelli (funzionario Biverbanca) e Cristina Buffa (Rappresentante scuole materna e primaria). «Il sindaco Carlo Borgo e e Ketti Politi hanno sottolineato questa bella azione di solidarietà sperando che la somma serva al bambino. Grazie anche all’amministrazione comunale di Tricerro, in particolare al sindaco Carlo Borgo e all’assessore Mauro Burocco che si era speso molto per il bambino e aveva intrattenuto rapporti con la zia e assistenti sociali».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità