Cronaca Regionale

Furbetti del vaccino: a Biella una maxi inchiesta

Sarebbero indagate circa 100 persone, vaccino inoculato a chi non ne aveva diritto.

Furbetti del vaccino: a Biella una maxi inchiesta
Cronaca 04 Febbraio 2021 ore 15:07

Come riporta primabiella.it è in corso un’indagine su presunte irregolarità avvenute durante la prima fase della campagna vaccinale anti Covid-19.

Indaga la Procura della Repubblica di Biella, indagini ancora avvolte da molto riserbo, coordinate dal procuratore capo della città laniera, Teresa Angela Camelio e che vedono impegnati i Carabinieri.

L’ipotesi su cui si sta lavorando, è che alcune persone,  si tratterebbe anche di funzionari di cooperative che lavorano con le Rsa o in ambito ospedaliero, avrebbero ricevuto dosi vaccinali pur non essendo comprese negli aventi diritto per la fase uno. Ovvero: medici, infermieri, sanitari, ospiti e personale della case di riposo.

Ci sarebbero 100 indagati

Ci sarebbero dunque i primi indagati di una vicenda che sta assumendo notevoli dimensioni, parrebbe infatti che siano indagate circa un centinaio di persone.

Notizia in aggiornamento.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli