Frodi finanziarie sui call center. Vercellesi nei guai

Maxi operazione della Guardia di Finanza

Frodi finanziarie sui call center. Vercellesi nei guai
27 Luglio 2017 ore 11:59

Maxi operazione della Guardia di Finanza

Avevano trasferito due società da Vercelli all’isola di Malta. Un’operazione poco chiara ai radar della Guardia di Finanza che ha così fatto partire le proprie verifiche riscontrando diverse violazioni. Così, al termine di un’articolata attività di indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, i militari di stanza alla caserma Felice Casalino hanno eseguito un sequestro disposto dal GIP presso il Tribunale di Milano, di beni immobili, partecipazioni, conti correnti, autovetture ed altre liquidità per circa 5 milioni di euro nella disponibilità di tale P.L.T. (le iniziali dell’imputato) resosi responsabile di un articolato sistema di frode. Oltre alla constatazione di violazioni tributarie, hanno effettuato un’approfondita analisi su vorticose operazioni societarie poste in essere dagli amministratori per essersi sottratti al pagamento delle imposte, vendendo simulatamente o compiendo atti fraudolenti per rendere inefficace la procedura di riscossione coattiva da parte dello Stato. Attraverso tali operazioni finanziarie, gli indagati – amministratori di fatto e di diritto – in concorso tra loro, hanno svuotato fraudolentemente il patrimonio di tali società, pur mantenendo in vita, fittiziamente, gli originari assets societari.

Oltre P.L.T. sono stati pertanto denunciati all’Autorità Giudiziaria altri due  soggetti i quali, hanno subaffittato fraudolentemente  i rami d’azienda, nel caso di specie due call center (di cui uno ubicato a Torino e l’altro in provincia di Milano) ad un’altra società, sempre facente capo a P.L.T.; effettuato fittizi trasferimenti di partecipazioni societarie nonché false  intestazioni di cariche societarie nominando due prestanomi nullatenenti ( di cui uno cittadino USA ) e,  per ultimo, trasferito la sede legale delle società da Vercelli a Malta col solo scopo di farne perdere le tracce. Le società oggetto di sequestro preventivo coinvolte sono tutte riconducibili ad un unico soggetto residente in provincia di Como e le indagini patrimoniali condotte dalle Fiamme Gialle vercellesi hanno evidenziato che i beni risultati nella sua effettiva disponibilità erano formalmente schermate da una società fiduciaria di Milano e da un complesso incrocio di partecipazioni societarie create ad hoc per rendere difficile risalire allo stesso.I beni complessivamente sequestrati riguardano le partecipazioni in società operanti nel settore dei call center (con sedi operative in Torino, Provincia di Milano e Bologna), i saldi dei conti correnti delle società, due automezzi di lusso ed un fabbricato ubicato nella provincia di Taranto.

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità