Vercelli

Forte replica a Pozzolo: “Il consiglio di “riflettere” lo rispedisco al mittente”

Forte replica a Pozzolo: “Il consiglio di “riflettere” lo rispedisco al mittente”
Vercelli e dintorni, 02 Maggio 2020 ore 07:31

“Leggo, con dispiacere ma senza stupore, conoscendo il soggetto in questione, su una testata online (una sola) la risposta dell’assessore Pozzolo al mio comunicato di oggi (1 maggio) nel quale denunciavo l’atteggiamento e le frasi oltraggiose proferite dal sindaco Corsaro nei miei confronti nel corso del consiglio comunale svoltosi ieri (30 aprile) – si legge in una nota dell’ex Sindaco Mura Forte – Ritengo la risposta dell’assessore priva di ogni buongusto, dote che sapevamo già gli mancasse, e soprattutto di visione politica. Quello che lui definisce “non meglio specificato atteggiamento del sindaco e di alcuni assessori” è, invece, ben chiaro in tutti quelli che hanno partecipato alla seduta dei lavori. Lo sarà, soprattutto, per tutti i cittadini quando sul sito del Comune verrà pubblicata la registrazione, si spera integrale, della seduta. Sorprende che, essendo lo stesso Pozzolo, presente in aula consigliare (come si evince da alcune sue foto pubblicate sui social), non si sia accorto delle affermazioni del “suo” sindaco. Ci vorrebbe, assessore, maggiore attenzione quando si partecipa a un consiglio comunale. Il consiglio di “riflettere”, inviatomi da Pozzolo, lo rispedisco al mittente. Un consiglio che è intriso di arroganza, tipica della sua (e non solo) corrente politica. Vorrei ricordare ai cittadini che l’assessore Pozzolo è colui il quale diede del “parassita” a un disabile e che si fece fotografare in più occasioni con Giuseppe Cannata, ex appartenente alla sua forza politica, autore di un gravissimo post omofobo. Ogni commento sulla figura dell’assessore Pozzolo, risulta, perciò, superfluo. Così come ogni rilevanza sul suo operato, non ancora pervenuto ai cittadin”.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità