Arborio

Fino a 500 euro di multa a chi sfama i piccioni

Arborio dice “no” ai piccioni e con un’ordinanza chiede ai cittadini di non dar nulla da mangiare ai volatili.

Fino a 500 euro di multa a chi sfama i piccioni
Lungosesia e Alto Vercellese, 12 Febbraio 2020 ore 19:54

Arborio dice “no” ai piccioni e con un’ordinanza chiede ai cittadini di non dar nulla da mangiare ai volatili. Come già fatto a Villarboit anche l’amministrazione comunale di Arborio ha deciso di intervenire per trovare una soluzione contro l’aumento esponenziale degli uccelli. In questi giorni è stata emessa una ordinanza che vieta di a chiunque di somministrare cibo ai piccioni e altri volatili selvatici ma non solo.

Mantenere i luoghi inaccessibili ai volatili

Tutti i cittadini hanno l’obbligo di mantenere le aree private e pubbliche sottostanti i fabbricati e di chiudere con apposite reti ogni apertura di soffitte, solai e sottotetti per evitare il riparo e la nidificazione dei volatili. Chi non si dovesse attenere alla normativa comunale rischia una multa dai 25 ai 500 euro. La decisione di applicare questa ordinanza è legata alle numerose segnalazioni arrivate all’amministrazione da parte dei cittadini che lamentavano un incremento di volatili in paese.

Pericolo igienico-sanitario

I numerosi piccioni possono infatti costituire un problema in merito alle condizioni igienico sanitarie e dal punto di vista del decoro urbano. E così per tutelare l’incolumità pubblica l’amministrazone ha deciso di prendere questa nuova decisione per cercare di contenere la specie. Chi volesse avere maggiori sulle nuove disposizioni potrà rivolgersi direttamente agli uffici comunali.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE