Evadevano l’Iva con fatture “sgonfie”

La Guardia di Finanza del capoluogo vercellese, a seguito di un accertamento fiscale effettuato dall’Agenzia delle Entrate

Evadevano l’Iva con fatture “sgonfie”
25 Marzo 2016 ore 17:58

La Guardia di Finanza del capoluogo vercellese, a seguito di un accertamento fiscale effettuato dall’Agenzia delle Entrate

Un patrimonio sotto sequestro come conseguenza dell’evasione fiscale dell’Iva. La Guardia di Finanza del capoluogo vercellese, a seguito di un accertamento fiscale effettuato dall’Agenzia delle Entrate e su delega della locale Procura della Repubblica, ha sottoposto a sequestro preventivo un patrimonio di circa euro 47.000 costituito da saldi attivi di conti correnti.
In particolare, l’Agenzia delle Entrate di Vercelli ha individuato una società operante nel settore delle costruzioni che aveva messo in piedi un espediente per evadere il dovuto. Si creava una mancata contabilizzazione  dell’iva a debito sul registro contabile obbligatorio: seppur regolarmente emesse con l’indicazione dell’imponibile e della relativa imposta, le fatture venivano registrate senza l’addebito dell’iva al cliente con l’indebita applicazione del meccanismo reverse-charge, al solo scopo di evadere il tributo indiretto.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità