Escherichia coli nello stracchino: lotto ritirato da Ministero della Salute

Se acquistato non deve essere consumato e va restituito al punto vendita.

Escherichia coli nello stracchino: lotto ritirato da Ministero della Salute
11 Dicembre 2019 ore 15:42

Escherichia coli nello stracchino: ritirato da Ministero della Salute. Se acquistato non deve essere consumato e va restituito al punto vendita.

Escherichia coli nello stracchino: ritirato da Ministero della Salute

Rischio microbiologico per contaminazione da Escherichia coli stec. Questo il motivo che ha spinto il il ministero della Salute a segnalare sul proprio sito il richiamo di un lotto dello “Stracchino all’antica” della Società Agricola Locatelli Guglielmo & C. S.S. per la presenza di Escherichia Coli. Le confezioni interessate sono quelle appartenenti al lotto numero del 12/10/2019 – 41° settimana prodotte nello stabilimento Locatelli di Frazione Reggetto s.n. dal peso di 85,613 kg – 48 forme

“Sportello dei Diritti”

A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori in caso di commercializzazione a terzi, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, raccomanda di non consumare lo stracchino se il numero di lotto coincide con quello segnalato e di restituirlo al punto vendita d’acquisto.

Cos’è l’Escherichia Coli

L’Escherichia coli (E. coli) è la specie di batterio più nota del genere Escherichia. Costituisce parte integrante della normale flora intestinale dell’uomo e di altri animali. Nonostante la maggior parte dei ceppi di E. coli siano innocui, ne esistono tuttavia alcuni che mettono a rischio la salute umana causando disturbi di diversa gravità – crampi addominalivomitodiarrea con sangueNonostante la maggior parte dei ceppi di E. coli siano innocui, ne esistono tuttavia alcuni che mettono a rischio la salute umana causando disturbi di diversa gravità – crampi addominali, vomito, diarrea con sangue.

VAI ALLA HOME PAGE E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità