Cronaca
Le regole

Emergenza coronavirus: il decreto in pillole

Il riassunto, curato da Anci, delle disposizioni contenute nel provvedimento.

Emergenza coronavirus: il decreto in pillole
Cronaca 09 Marzo 2020 ore 10:16

L'Anci ha pubblicato un riassunto delle principali disposizioni del decreto mirato a contenere il contagio del coronavirus.

Il decreto in punti

  • Evitare ogni spostamento in entrata e uscita o all’interno delle province, tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute, il rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza.
  • Con sintomi di infezione respiratoria e più di 37,5 di febbre restare a casa e contattare il medico curante.
  • Divieto assoluto di mobilità per le persone in quarantena o risultata positive al virus.
  • Sospensione degli eventi e le competizioni sportive in luoghi pubblici e privati tranne che per gli eventi, competizioni o allenamenti di atleti professionisti e di categoria assoluta che partecipano ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali o internazionali purché a porte chiuse e senza la presenza di pubblico. Le associazioni o società sportive devono effettuare controlli sanitari con il proprio personale medico.
  • Chiusura degli impianti nei comprensori sciistici e sospensione delle attività di palestre, centri spostivi, piscine, centri natatori, centri benessere o termali, centri culturali, sociali o ricreativi.
  • Tutte le manifestazioni e gli eventi di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico in luogo pubblico o privato sono sospese.
  • Sospese ogni attività nei cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilabili.
  • Sospesi i servizi educativi per l’infanzia e le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado.
  • Sospese le cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri.
  • Chiusi i musei, istituti e luoghi della cultura.
  • I ristoranti potranno aprire dalle 6 alle 18. Il gestore dovrà garantire il distanziamento delle persone di almeno un metro.
  • Chiusura delle medie e grandi strutture di vendita e degli esercizi commerciali all’interno dei centri commerciali e dei mercati nei giorni prefestivi e festivi. Restano aperte le farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari con l’obbligo di almeno un metro di distanza tra le persone. Le altre attività commerciali sono consentite a condizione che il gestore garantisca almeno un metro di distanza tra le persone.
  • Sospese tutte le procedure concorsuali pubbliche e private tranne che per il personale sanitario.
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter