Cronaca

Donna 22enne ubriaca persa aggredisce negoziante e agenti: finisce in carcere

Donna 22enne ubriaca persa aggredisce negoziante e agenti: finisce in carcere
Cronaca Vercelli e dintorni, 27 Settembre 2021 ore 18:47

Scatenata e incontenibile semina il panico in città e poi aggredisce a più riprese pure le forze dell'ordine intervenute per calmarla.

La scena si è verificata nella mattina di oggi, 27 Settembre 2021,

L'intervento è stato effettuato da agenti della Polizia di Stato-Squadra Volante , unitamente ad una pattuglia della sezione Radiomobile del Comando Compagnia Carabinieri di Vercelli, che hanno tratto in arresto una giovane donna di origini dominicane per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, minacce e lesioni.

In evidente stato di alterazione

La giovane, in evidente stato di alterazione psico-fisica dovuta all’assunzione di bevande alcoliche, ha dapprima aggredito verbalmente il dipendente di una ditta alimentare che stava rifornendo di beni un esercizio commerciale , per poi insultare e minacciare anche il personale dell'attività stessa, un forno-bar. La donna ha iniziato ad inveire nei confronti del titolare del locale che, data la difficoltà di riportare alla calma la giovane e farla allontanare dal negozio, ha contattato le Forze dell’Ordine.

Gli operatori, giunti celermente sul posto, hanno cercato di ricondurre alla ragione la ragazza, ma questa, alla vista dei poliziotti e dei carabinieri, rifiutando di esibire un documento di riconoscimento ed in preda all’ira, oltraggiava e minacciava il personale intervenuto.

Calci e pugni ai poliziotti

Alla richiesta di recarsi in Questura per i dovuti accertamenti la ragazza, nel tentativo di sottrarsi ai controlli, aggrediva fisicamente gli operatori con diversi calci edpugni e afferrava violentemente alla gola uno dei poliziotti.

Riportata alla calma con non poca fatica, la donna veniva accompagnata presso la locale Questura ma all’interno degli uffici di Polizia continuava a minacciare ed aggredire gli operatori.

Finisce in carcere

Dagli accertamenti effettuati si riusciva a risalire alle generalità della donna, ventiduenne di origini dominicane, residente fuori provincia.

Terminati gli accertamenti di rito la donna veniva tratta in arresto per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, minaccia e lesioni a pubblico ufficiale.
Il Sostituto Procuratore di Turno, notiziato dell’accaduto, disponeva la sua traduzione presso la locale casa circondariale in attesa della celebrazione del dibattimento con rito direttissimo.