Menu
Cerca
Regionale

Cuneo rimane in rosso fino a domenica

Con 280 casi ogni 100mila abitanti mantiene il massimo delle restrizioni, ma Asti, che ha 320 positivi ogni 100mila abitanti, è al momento in zona arancione.

Cuneo rimane in rosso fino a domenica
Cronaca 14 Aprile 2021 ore 11:03

Dalla giornata di oggi, mercoledì 14 aprile 2021, come riporta primacuneo.it, sarebbe dovuta scattare la zona arancione anche in provincia di Cuneo e invece per la Granda è arrivata una doccia gelata. Il dato sull’incidenza dei contagi ogni 100mila abitanti, ora a quota 280, ha portato la Regione Piemonte a prorogare la zona rossa nel cuneese fino a domenica 18 aprile 2021:

“In linea con il nuovo decreto – si legge dal comunicato -, che prevede in questi casi misure più restrittive, la Regione Piemonte si trova obbligata a prorogare la permanenza della provincia di Cuneo in zona rossa fino a domenica 18 aprile”.

L’incidenza inguaia in rosso la provincia di Cuneo

Una verifica riguardo all’evolversi della situazione, per analizzare la possibilità, in caso di miglioramento dei dati, di anticipare l’ingresso in zona arancione già dal weekend, verrà fatta venerdì 16 aprile 2021. Da tenere monitorato dovrà essere il dato sull’incidenza dei casi ogni 100mila abitanti, fattore cardine che sta facendo prolungare le restrizioni da zona rossa in provincia di Cuneo.

Cuneo zona rossa, ma Asti è arancione con un incidenza peggiore

La proroga della zona rossa in provincia di Cuneo, stando a quanto stabilito dai dati sull’incidenza, risulterebbe un provvedimento legittimo da parte della Regione Piemonte. Ciò che tuttavia potrebbe far storcere il naso ai cuneesi, riguarda il fatto che la provincia di Asti, dove la situazione dell’incidenza è ben peggiore, al momento si trovi in zona arancione.

La graduatoria qui sopra stabilisce, a livello nazionale, i territori provinciali con il più alto tasso di casi positivi ogni 100mila abitanti. Ebbene, la provincia di Asti è addirittura piazzata al primo posto in questa spiacevole classifica, ma come si può ben notare, le restrizioni a cui è sottoposta sono da zona arancione. Con molta probabilità, anche per l’area astigiana potrebbero arrivare provvedimenti da zona rossa.

Dando tuttavia un attenta occhiata all’andamento dell’incidenza in provincia di Asti, da quando il Piemonte è passato in arancione, la quota a cui si assestava era già superiore alla soglia limite stabilita dal Governo. Dalla giornata di venerdì 9 aprile 2021, Asti si trovava a 290 casi ogni 100mila abitanti, raggiungendo ieri, il picco di 320 contagi ogni 100mila abitanti.