Crack Phonemedia, si torna in aula a luglio.

Una ventina di dipendenti del call center si sono costituiti parte civile. Una delle sedi era a Trino

Crack Phonemedia, si torna in aula a luglio.
07 Giugno 2016 ore 12:57

Una ventina di dipendenti del call center si sono costituiti parte civile. Una delle sedi era a Trino

Il crack Phonemedia, la catena di call-center di cui uno era situato a Trino Vercellese, ha vissuto nei giorni scorsi una nuova “tappa” giudiziaria. E’ stata infatti depositata la costituzione di parte civile di una ventina di ex dipendenti, assistiti dall’avvocato Antonio Costa Barbe’, e si è stabilito il rinvio dell’udienza al prossimo 14 luglio. E’ quanto è stato deciso in Tribunale a Novara, all’udienza preliminare. Il pm  chiede il rinvio a giudizio per sei persone, tra cui il fondatore del gruppo specializzato come call-center, il novarese Fabrizio Cazzago. Il pm non s’è opposto alla costituzione delle parti civili. Si sono invece opposti alcuni difensori. Il giudice scioglierà la riserva alla prossima udienza. Non è escluso che Cazzago ricorra al patteggiamento.