Giudiziaria

Concessi gli arresti domiciliari a Roberto Rosso

L'ex assessore regionale era detenuto dal 20 dicembre 2019.

Concessi gli arresti domiciliari a Roberto Rosso
Vercellese, 03 Luglio 2020 ore 17:24

Era diventato un caso nazionale di giustizia non esattamente da paese civile. Ora finalmente Roberto Rosso dopo circa 7 mesi può uscire dal carcere per tornare a casa dove resterà agli arresti domiciliari. La misura è stata concessa dal Tribunale del Riesame.

La notizia è di poco fa (ore 17 di venerdì 3 luglio). Il politico, già parlamentare è indagato per voto di scambio. Il processo comincerà il prossimo 9 luglio nell’aula bunker di Torino ma è gestita dal tribunale di Asti da un collegio composto da Alberto Giannone (presidente), Beatrice Bonisoli e Claudia Beconi.

L’ex assessore regionale detenuto dal 20 dicembre scorso con l’accusa di voto di scambio politico mafioso nell’ambito dell’inchiesta “Fenice” sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Piemonte.
La notizia è stata confermata da uno dei suoi avvocati, Giorgio Piazzese.
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità