Menu
Cerca
Cronaca

Cisas Santhià: il mandato di Cappuccio sta per terminare

"Un grande impegno, ma anche tanta soddisfazione".

Cisas Santhià: il mandato di Cappuccio sta per terminare
Cronaca Santhià, 17 Aprile 2021 ore 10:22

Sta per volgere al termine mandato da Presidente del Consiglio di Amministrazione del Cisas Santhià, il Consorzio Intercomunale per i Servizi di Assistenza Sociale. Dopo 6 anni Angelo Cappuccio, Sindaco di Santhià, incarico che ha ricoperto dal 28 maggio del 2015 e che si chiuderà entro e non oltre il 30 giugno 2021.

Esperienza coinvolgente

“E’ stato un ruolo che ho sempre svolto gratuitamente al servizio della comunità e del nostro territorio. Soprattutto è stata un’esperienza bellissima e coinvolgente che richiede un impegno costante e tanta dedizione.

Il lavoro del Cisas è infatti dedicato a tutte le persone che hanno bisogno a vario titolo, e con diversi livelli di necessità, di servizi di assistenza perché disabili, anziani, fragili. In tutti questi anni ho avuto la fortuna di coordinarmi con personale molto preparato e competente e con la direzione sempre davvero attenta alle esigenze del territorio.

Con la collaborazione efficace di tutti i dipendenti del Consorzio ho potuto gestire anche l’assistenza delle trenta persone direttamente sotto la mia tutela, per loro mi sono recato per rappresentarli in Ospedale, in Banca, in Posta ed in Tribunale (foto fuori dal Tribunale di Vercelli per rappresentare una mia tutelata davanti al Giudice Tutelare).

Coordinazione e collaborazione

Abbiamo coordinato la gestione dell’emergenza in pandemia, grazie anche a diversi volontari, avviando interventi integrati per sostenere a domicilio le persone anziane, i disabili, i malati cronici e le persone in isolamento. Abbiamo rivolto l’attenzione anche alla violenza contro le donne, attivando il Centro antiviolenza “Ricomincio da qui”.

Soprattutto abbiamo svolto con armonia, e ottimi risultati, le funzioni specifiche del Cisas, come attività per la tutela materno-infantile e dell’età evolutiva, le attività a rilievo sanitario per i disabili e gli anziani non autosufficienti, le funzioni amministrative regionali. Lo abbiamo fatto in accordo con i colleghi del CDA, con il presidente dell’assemblea dei sindaci e di tutti i sindaci dei comuni del Cisas, che ringrazio per collaborazione e il confronto (Alice Castello – Balocco – Bianzè – Borgo d’Ale – Buronzo – Caresana – Carisio – Cigliano – Costanzana – Crova – Gifflenga – Lamporo – Livorno F.ris – Moncrivello – Motta dei Conti – Pertengo – Pezzana – S. Germano V.se – S. Giacomo V.se – Salasco – Santhià – Stroppiana – Viverone) operando per un totale di circa 39 Mila abitanti.
Spero davvero e, in cuor mio ne sono certo, di aver soddisfatto i bisogni e le aspettative di chi è ricorso ai nostri servizi”.