Attualità
Attualità

Santhià-Arona: la riapertura della linea ferroviaria all'insegna dell'ambiente

Si propone soprattutto come tratta del commercio green

Santhià-Arona: la riapertura della linea ferroviaria all'insegna dell'ambiente
Attualità Santhià, 17 Dicembre 2022 ore 11:11

Il ripristino della tratta ferroviaria storica Santhià-Arona, previsto per il 2024/2025, è senza dubbio un’ottima notizia per la Città e per l’intero territorio. Sarà un punto di riferimento essenziale per studenti, pendolari, lavoratori, turisti e per il trasporto delle merci. Avremo poi senza dubbio strade meno trafficate da camion, oltre ad un grande vantaggio in termini di sostenibilità ambientale". Sono queste le parole di Angela Ariotti, sindaca di Santhià, alla luce della nuova volontà di riapertura della linea.

Tratta del commercio green

Infatti la Santhià-Arona si propone soprattutto come tratta del commercio green: non solo è una linea che collega Nord e Sud Piemonte, ma anche Italia, Svizzera e Francia. Proprio per questo sarebbe essenziale per il trasporto delle merci. La tratta inoltre è al centro di un grande progetto per il trasporto ferroviario europeo che punta al rilancio dei treni notturni transfrontalieri al fine di abbattere i costi e di rendere questi grandi viaggi sempre più “green”. A proporre lo studio di fattibilità è il sodalizio “Obiettivo Treno Notturno", un'associazione europea per la rinascita dei treni a lunga percorrenza (lunatrain.eu) la quale ha inserito la stazione di Santhià e quella di Arona nel più ampio progetto denominato "Riviera Express", un treno notturno che dalla Costa Azzurra raggiungerebbe le celebri località della Svizzera per poi arrivare a Francoforte passando attraverso la ferrovia Santhià-Arona e incrementando, in questo modo, il turismo anche in questi borghi secondari. Ma non solo: oltre all'aspetto turistico questo collegamento internazionale permetterebbe un minore impatto ambientale per i viaggiatori che dalla Costa Azzurra intendono recarsi in Europa Centrale e in Svizzera sfruttando la scorciatoia offerta dalla ferrovia Santhià-Arona.

Seguici sui nostri canali