Campagna vaccinale

Figliuolo avvisa Cirio: "A luglio 160.000 dosi Pfizer in meno"

La regione conta di arrivare comunque a 5,5 milioni di vaccinati a fine agosto.

Figliuolo avvisa Cirio: "A luglio 160.000 dosi Pfizer in meno"
Attualità 24 Giugno 2021 ore 19:16

Nella foto il presidente della Regione Cirio durante l'incontro col generale Figliuolo.

Il numero delle vaccinazioni giornaliere nel mese di luglio potrebbe rallentare, perché ci saranno meno dosi di Pfizer, ma il Piemonte conta ugualmente di centrare l'obiettivo di 5 milioni e mezzo di vaccinati a fine agosto.

La notizia di una diminuzione di fiale distribuite al Piemonte  è emersa oggi, giovedì 24 giugno 2021, durante l'incontro, a Roma, tra il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e il generale Figliuolo per un aggiornamento sulle consegne previste per le prossime settimane.

A luglio, dunque, la disponibilità previsionale per il Piemonte è inferiore di circa 160 mila dosi rispetto al mese di giugno.

Cirio: "Cercheremo di non rallentare troppo*

“La carenza di dosi incide sulla velocità alla quale possiamo procedere - spiega il presidente Cirio -. Ho chiesto al generale Figliuolo un incremento delle forniture, perché più dosi abbiamo più vaccini facciamo.Il generale mi ha spiegato che la riduzione dipende dalle consegne di Pfizer per l’Italia, ma mi ha dato massima disponibilità a venirci incontro per garantire al Piemonte la somministrazione dei richiami e il mantenimento di una media non inferiore a 38 mila vaccinazioni al giorno.

Per monitorare l’andamento della situazione daremo al generale Figliuolo un aggiornamento bisettimanale, in modo da evidenziare subito eventuali carenze di dosi che dovessero verificarsi. In ogni caso garantiamo ampiamente il mantenimento dei nostri target, con l’obiettivo di superare alla fine di agosto cinque milioni e mezzo di dosi somministrate”.

Domani, intanto, alle ore 14.30, il presidente Cirio sarà vaccinato presso l’hub dell’Ospedale Michele e Pietro Ferrero di Verduno (CN).

I dati di oggi

Sono 38.303 le persone che hanno ricevuto il vaccino contro il Covid comunicate oggi all’Unità di Crisi della Regione Piemonte (dato delle ore 18.00). A 19.933 è stata somministrata la seconda dose.

Tra i vaccinati di oggi, in particolare, sono 5.291 i 16-29enni, 5.395 i trentenni, 4.906 i quarantenni, 5.661 i cinquantenni ,3.462 i sessantenni, 6.920 i settantenni, 1.793 gli estremamente vulnerabili e 387 gli over80.

Dall’inizio della campagna si è proceduto all’inoculazione di 3.438.090dosi (di cui 1.116.064 come seconde), corrispondenti all’88,3% di 3.891.990 finora disponibili per il Piemonte. La percentuale è inferiore a quella precedente, perché tiene conto dei carimenti delle nuovi dosi di Pfizer e AstraZeneca arrivate ieri.

L'incidenza del virus cala ancora del 40%

Nella settimana 14-20 giugno in Piemonte si riduce l’incidenza dei nuovi casi di oltre il 40%, in maggior misura rispetto alla settimana precedente. L’Rt puntuale calcolato sulla data di inizio sintomi scende da 0.62 a 0.56. La percentuale di positività dei tamponi cala ulteriormente passando da 1.1% a 0.5%. Sotto soglia, e ancora ridotti, il tasso di occupazione dei letti ordinari (dal 5% al 4%) e in terapia intensiva (dal 7% al 4%). Calano i focolai attivi, i nuovi e il numero di persone non collegate a catene di trasmissione note.