Attualità
Asl Vc e covid

Emergenza Omicron: nuovi posti letto in ospedale, garantiti ricoveri e prestazioni urgenti

Nuovo potenziamento negli ospedali di Vercelli e Borgosesia. Si spinge al massimo la campagna vaccinale.

Emergenza Omicron: nuovi posti letto in ospedale, garantiti ricoveri e prestazioni urgenti
Attualità Vercellese, 29 Dicembre 2021 ore 16:27

I numeri da record che si stanno vedendo in tutto il mondo vengono attribuiti alla variante Omicron e tendono a raddoppiare da settimana a settimana, siamo passati in Italia da 35.000 e altre 70.000, fra sette giorni si potrebbero raggiungere circa 150.000 nuovi contagi al giorno, dopo altri 7 giorni 300.000 e poi 600.000. Sono numeri pazzeschi di cui si sta parlando in queste ore. Uno scenario purtroppo possibile, anche se va detto che la nuova variante è meno dannosa e il 90% dei prossimi infettati non avrà nessun sintomo rilevante. Però con numero coì alti è inevitabile che si arrivi presto alla saturazione dei posti letto. Si tornerà anche alla sospensione di molte delle normali prestazioni sanitarie, anche se sono garantiti ricoveri e prestazioni urgenti, almeno per ora.

L'Asl di Vercelli per fronteggiare la nuova emergenza amplia ancora i posti covid. ecco la nota diffusa oggi, mercoledì 29 dicembre 2021.

Destinati in tutto 50 posti a Vercelli e 17 a Borgosesia

L’ASL di Vercelli rimodulerà ulteriormente i posti letto ospedalieri dedicati ai pazienti Covid, in modo da poter far fronte alle esigenze assistenziali individuate a livello regionale per questa quarta ondata della pandemia.
L’ospedale Sant’Andrea di Vercelli avrà posti letto dedicati all’alta e alla media intensità, mentre l’ospedale SS Pietro e Paolo di Borgosesia potrà gestire pazienti ad intensità bassa e media.

A Vercelli il nuovo assetto prevede 6 posti ad alta intensità (in Rianimazione) e 44 posti letto a media intensità. A Borgosesia i 10 posti letto a bassa-media intensità attivati dal 27 dicembre, verranno implementati nei prossimi giorni di ulteriori 7 posti letto.
L’attivazione dei nuovi posti letto Covid a Vercelli avverrà successivamente alla dimissione dei pazienti non Covid attualmente ricoverati nei reparti di Pneumologia e Malattie infettive.

Le prestazioni non covid garantite e quelle sospese

Assecondando le disposizioni del DIRMEI per la programmazione delle attività ospedaliere e ambulatoriali, dal 3 gennaio saranno mantenuti i ricoveri in regime d’urgenza e i ricoveri programmati oncologici; per quanto riguarda le attività ambulatoriali, saranno mantenute quelle non procrastinabili, cioè le prestazioni di tipo Urgente, di tipo Breve e gli screening oncologici. Gli interventi non urgenti e le prestazioni procrastinabili saranno sospese e riprogrammate.

Contestualmente alla rimodulazione dei posti letto, l’ASL ha orientato parte del personale verso un ulteriore potenziamento della campagna vaccinale, al fine di procedere alla vaccinazione di 23.848 persone il cui Green pass scadrà entro fine gennaio e per proseguire con il calendario vaccinale ordinario. Gli hub vaccinali di Caresanablot, Borgosesia e Santhià lavorano a pieno regime, così come gli ambulatori dedicati alla vaccinazione dei bambini da 5 a 11 anni. Anche il numero dei tamponi molecolari processati supera ormai i 600 al giorno e ha raggiunto il massimo potenziale.

Il bilancio Vaccinale

“Ad un anno esatto dall’avvio della Campagna vaccinale dedicata al Covid l’ASL di Vercelli sta mantenendo alta la guardia – spiega il Direttore Generale, Eva Colombo – In un anno sono state eseguite 290.000 dosi di vaccino e sono state vaccinate 129.067 persone su una popolazione residente nel territorio di competenza ASL di 164.511 (compresi i 4.146 bambini della fascia tra 0-4 anni che al momento non viene vaccinata). Anche sui tamponi l’impegno è stato costante, con 80.000 tamponi molecolari processati.
Anche in termini di risorse umane, l’impegno di medici, infermieri e personale amministrativo non è mai mancato: alla campagna hanno contribuito i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e il personale dei vari reparti ospedalieri che si è messo a disposizione per agevolare la campagna vaccinale, in un contesto ormai strutturale dove non è semplice reperire nuovo personale sanitario.
In questo scenario complesso e in continua evoluzione – aggiunge Colombo – ritengo necessario mandare un messaggio rassicurante: guardando i numeri tra 2020 e 2021, emerge chiaramente come la campagna vaccinale stia ben funzionando nel ridurre il numero delle vittime e il sovraccarico degli ospedali con la conseguente riduzione dell’occupazione dei posti letto in area medica e intensiva, così come l’intensità dei sintomi correlati alla malattia.

Non vaccinati e no vax nella ECCOmaggioranza dei ricoveri

E’ un dato oggettivo che ad oggi i ricoverati siano soggetti giovani non vaccinati, grandi anziani anche vaccinati ma con una situazione generale già compromessa e anziani non vaccinati perché sconsigliati da figli novax. E’ un vero peccato, in questa fase – prosegue Colombo - che ancora molte persone siano reticenti al vaccino, e che la nostra ASL allineandosi alle indicazioni regionali, debba rimodulare le attività a discapito dei ricoveri ordinari e delle prestazioni ambulatoriali per le quali era in atto una task force per far rientrare le liste d’attesa”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter