Attualità
Arriva la risposta

Dal convegno di Confagricoltura, la risposta dei risicoltori

«Bisogna tutelare la risicoltura: ecco un obiettivo primario da portare in Europa».

Dal convegno di Confagricoltura, la risposta dei risicoltori
Attualità Vercelli e dintorni, 13 Dicembre 2021 ore 16:41

Si è tenuto questo pomeriggio l'incontro organizzato al Teatro Civico di Vercelli fra gli agricoltori per discutere della riforma della politica agricola comune. In prima linea tutte le associazioni di categoria, che hanno spiegato ai propri associati quali sono i possibili danni che arrecherà al settore risicolo questa riforma.

«La risicoltura in Piemonte riveste un’importanza fondamentale per il tessuto economico del territorio – sottolinea Paolo Dellarole presidente di Coldiretti Vercelli e Biella con delega al settore risicolo – per cui i tagli che si prevedono metteranno a rischio il futuro del comparto. La nostra regione è la prima produttrice di riso in Italia con con 8 milioni di quintali, circa 1900 per un totale di 117 mila ettari. La risicoltura rischia di non vedere riconosciuta dall'Unione Europea la sua unicità di coltura sommersa poiché, con la nuova PAC, sarebbe di fatto negata l'importanza del ruolo che i risicoltori ricoprono per l'assetto idrogeologico e ambientale di tutta la pianura padana».

«Bisogna tutelare la nostra risicoltura e questo deve essere un obiettivo primario per l’Europa – evidenziano Paolo Dellarole e il Direttore di Coldiretti Vercelli-Biella Francesca Toscani – visto che abbiamo un prodotto che si distingue per sicurezza nella produzione e qualità, rispetto a quello importato dall’Asia a basso costo, frutto di soprusi, senza sottostare alle clausole di salvaguardia. Continueremo, quindi, in questi giorni in cui si stanno definendo la azioni della futura "Pac", a batterci affinché la risicoltura abbia le risorse necessarie anche nelle misure del futuro Programma di sviluppo rurale nazionale, a compensazione dei tagli previsti dalla Pac. In pericolo – concludono – non è solo l’economia e l’occupazione, ma anche la tutela dell’ambiente e della biodiversità»