Attualità
Il caso

Contratti Asl in scadenza: l'azienda risponde alla RSU

La direzione ricorda che ci sono nuovi bandi a cui possono partecipare anche i precari.

Contratti Asl in scadenza: l'azienda risponde alla RSU
Attualità Vercelli e dintorni, 03 Novembre 2021 ore 17:32

L'Asl Vercelli replica a quanto espresso dalla RSU sindacale in merito alla richiesta di assumere i 100 lavoratori a tempo determinato, chiamati per l'emergenza Covid e i cui contratti scadono a fine anno.

"Mancano i requisiti per l'assunzione"

In base alla normativa attualmente vigente purtroppo non è possibile stabilizzare il personale assunto a tempo determinato per l’emergenza Covid, in quanto sono assenti due requisiti indispensabili di cui molti dei lavoratori non sono al corrente: il requisito della procedura selettiva o concorsuale e i tre anni di servizio.

L’Asl Vercelli, attraverso la Federazione Nazionale delle Aziende Sanitarie (FIASO) cui aderisce, ha sottoposto all’attenzione del Ministro della Salute una proposta per ridurre il requisito del servizio triennale per la stabilizzazione, ma è evidente che se la norma non cambia le due condizioni sopraccitate devono essere necessariamente rispettate.

"Attendiamo una normativa nazionale"

La scadenza dei contratti a tempo determinato, al momento, è stata prorogata dall’Azienda al 31/12/2021. Si attende pertanto una indicazione normativa nazionale per avere una linea guida su come procedere in merito all’eventuale stabilizzazione del personale.

Ci sono dei bandi da sfruttare

Intanto per sopperire alle necessità più stringenti sono stati indetti bandi di concorso sia a livello di Asl Vercelli sia a livello di Quadrante Piemonte Nord Orientale per acquisire personale a tempo indeterminato e determinato su tutte le figure professionali (personale medico, infermieristico, OSS, tecnici di radiologia, tecnici di laboratorio e amministrativi) necessarie per coprire i posti scoperti nella pianta organica.

A questi bandi, naturalmente, può partecipare anche il personale assunto per l’emergenza Covid.

Come Direzione Generale si garantisce la massima disponibilità e attenzione nei confronti dei lavoratori che hanno dato il prezioso contributo nel periodo più severo della pandemia, così come la massima disponibilità al confronto con le associazioni sindacali.