Attualità
Agricoltura

Coldiretti: aumento dei costi di produzione fa calare semine

«A pesare da un lato l’esplosione dei costi energetici, dall’altro la siccità».

Coldiretti: aumento dei costi di produzione fa calare semine
Attualità Vercelli e dintorni, 09 Maggio 2022 ore 10:30

«L’aumento record dei costi di produzione provocato dalla guerra in Ucraina rischia di far calare le semine con una stima fino addirittura a -10 mila ettari in tutta Italia». E’ quanto afferma Coldiretti Vercelli-Biella nel lanciare l’allarme per l’impatto che potrà esserci su un settore strategico per l’economia e l’approvvigionamento alimentare del Paese. Coldiretti è quindi del parere che l'aumento dei costi di produzione farà calare le semine.

L'impatto del carovita e della siccità

«A pesare - spiega Paolo Dellarole presidente di Coldiretti Vercelli e Biella con delega al settore risicolo - è da un lato l’esplosione dei costi energetici, con aumenti record che vanno dal +170% per i concimi al +129% per il gasolio,  dall’altro la siccità poiché negli anni è mancata la prevenzione e l’attenzione a progettare infrastrutture per lo stoccaggio dell’acqua».

Una fotografia scattata a marzo che ritrae un letto di un fiume in secca

Le importazioni "low cost": una concorrenza sleale

Sul riso italiano grava anche la concorrenza sleale delle importazioni low cost dai paesi asiatici che vengono agevolate dall’Unione Europea nonostante non garantiscano gli stessi standard di sicurezza alimentare, ambientale e dei diritti dei lavoratori. «Un esempio è il Myanmar - continua Dellarole - che è diventato il nostro primo fornitore con 51 milioni di chili, secondo un’analisi Coldiretti su dati relativi ai primi quattro mesi del 2022, favorito peraltro dalla scadenza della clausola di salvaguardia con la quale si erano bloccate le agevolazioni tariffarie concesse al Paese asiatico e alla Cambogia. Per anni i due Stati hanno beneficiato dell’azzeramento dei dazi per esportare in Italia e in Europa nell’ambito del regime EBA (tutto tranne le armi). Il risultato è stato una vera e propria invasione di prodotto asiatico che ha messo in ginocchio i produttori nazionali».

«... Occorre maggior tutela...»

«Bisogna tutelare - evidenzia Francesca Toscani, Direttore Coldiretti Vercelli-Biella  - la nostra risicoltura e questo deve essere un obiettivo primario per l’Europa visto che abbiamo un prodotto che si distingue per sicurezza nella produzione e qualità, rispetto a quello importato dall’Asia a basso costo, frutto di soprusi. Per cercare di contrastare l’aumento dei costi di produzione bisogna lavorare fin da subito sugli accordi di filiera che sono uno strumento indispensabile per la valorizzazione delle produzioni nazionali».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter