Trino

Chiude il centro vaccinale di Trino: immunità vicina all’80%

Il sindaco: «Abbiamo raggiunto un risultato straordinario».

Chiude il centro vaccinale di Trino: immunità vicina all’80%
Attualità Vercellese, 02 Agosto 2021 ore 12:44

Il centro vaccinale di Trino chiude i battenti. Il sindaco: «Abbiamo raggiunto un risultato straordinario».

Il centro chiude

Chiudono i battenti del centro vaccinale di Trino. Al termine dell’esperienza, il sindaco Daniele Pane traccia un bilancio decisamente positivo: «Siamo arrivati all’ultimo weekend dell’Hub Vaccinale di Trino di Piazza Comazzi (Ex Mercato Coperto) – osserva - Abbiamo raggiunto un risultato straordinario, con numeri importanti, e che hanno permesso alla popolazione trinese e non di vaccinarsi “vicino a casa”, in un ambiente accogliente ed efficiente». A partire da oggi, dunque, lunedì 2 agosto, tutte le prime dosi e tutti i richiami saranno somministrati al Palafiere di Casale Monferrato.

I numeri

I dati riportati dal primo cittadino sono incoraggianti. Sono quasi 5.000 i soggetti vaccinati con prima dose o esclusi per aver contratto il covid negli ultimi mesi, pari al 78% della popolazione vaccinabile (sopra i 12 anni). Sono invece oltre 4.300 i soggetti che hanno concluso il ciclo vaccinale pari al 69% della popolazione vaccinabile (sempre sopra i 12 anni). Nelle fasce d’età più a rischio, quelle degli over 60, i vaccinati con almeno una dose sono circa il 90%, mentre con ciclo completo l’82%

Le fasce di età

Più precisamente, tra i residenti di età compresa tra i 50 e i 59 anni il 77% è vaccinato con una dose, il 74% ha effettuato il ciclo completo. Tra i 40 e i 49 il 74% ha ricevuto una dose, il 67% il ciclo completo. Tra i 30 e i 39 le percentuali si attestano al 65% per la prima dose e al 60% per il ciclo completo. Tra i giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni, il 61% ha ricevuto una dose, il 46% il ciclo completo. Tra i 12 e i 15 anni, invece, il 23% si è sottoposto alla prima dose, il 9% al ciclo completo.

Gli iscritti

«Vi sono ancora 288 soggetti residenti a Trino e iscritti sulla piattaforma regionale ilpiemontetivaccina.it – aggiunge il sindaco - di questi 36 sono temporaneamente esonerati per aver contratto la malattia da poco; 68 hanno già avuto una o più convocazioni ma non si sono presentati; 184 invece hanno una prenotazione già fissata nel mese di Agosto presso l’HUB vaccinale del Palafiere di Casale Monferrato. Se tutti gli iscritti si receranno a vaccinarsi nelle prossime settimane, la percentuale di vaccinati residenti nella nostra città supererà la fatidica soglia dell’80%, quella “dell’immunità di gregge”».

«Qualcosa di straordinario»

«Abbiamo fatto qualcosa di straordinario a Trino – conclude il sindaco - siamo una città di circa 6.800 anime e abbiamo messo in campo qualcosa come: 200 volontari, 8.000 persone immunizzate e 15.000 dosi somministrate a tutto il territorio. Sono fiero ed orgoglioso della mia città, delle associazioni e della gente di Trino che non ha mai fatto mancare il suo supporto. Grazie davvero».

Nuovi casi

Tra i dati occorre annoverare tre nuove positività al Covid19, ma fortunatamente non si tratta di casi gravi. «Dopo 46 giorni in cui la nostra città era senza segnalazione di nuovi casi di positività, nello scorso weekend sono risultati postivi 3 soggetti, tutti facenti parte dello stesso nucleo famigliare: mamma, papà e bambino – spiega Pane - Solo il padre era vaccinato ma con una sola dose e avrebbe dovuto fare il richiamo proprio in questi giorni. In ogni caso lo stato di salute di tutti e tre è buono e costantemente monitorato dal medico di famiglia e dalle USCA».