Esasperazione

Anche gli agricoltori vercellesi al sit-in anti cinghiali

Appuntamento giovedì 8 luglio 2021 a Torino in piazza Castello.

Anche gli agricoltori vercellesi al sit-in anti cinghiali
Attualità Vercellese, 07 Luglio 2021 ore 11:39

L'annoso problema dei cinghiali, dei danni che apportano alle coltivazioni e le vittime di incidenti stradali dovuti agli attraversamenti anche di intere famiglie di animali, ha assunto proporzioni ancor più gravi durante i vari lockdown. Gli agricoltori sono esasperati.

Per rappresentare questi sentimenti è stata fissata a Torino, in piazza Castello, per giovedì 8 luglio 2021 dalle ore 9 una manifestazione di protesta a cui prenderanno parte anche rappresentanti del Vercelelse.

Protesta in piazza Castello

Scenderanno in piazza insieme al presidente di Coldiretti Vercelli-Biella, Paolo Dellarole, al direttore ", ai rappresentanti delle istituzioni, ai Sindaci piemontesi, ai cittadini e alle testimonianze di chi è stato personalmente colpito ed ha paura per l’incolumità della propria famiglia vista l’invasione di cinghiali in Italia ed in Piemonte che, con l’emergenza Covid, hanno trovato campo libero in spazi rurali e urbani, spingendosi sempre più vicini ad abitazioni e scuole fino ai parchi dove giocano i bambini.

Una situazione che ha ormai oltrepassato il limite di guardia - si legge nel comunicato di Coldiretti - per questo in tutta Italia ci sarà la più grande protesta mai realizzata prima con capofila la piazza di Montecitorio a Roma.

"Sterminano i raccolti"

Non è mai stato così alto l’allarme: gli animali selvatici distruggono produzioni alimentari, sterminano raccolti, assediano campi, causano incidenti stradali con morti e feriti e si spingono fino all’interno dei centri urbani dove razzolano tra i rifiuti con pericoli per la salute e la sicurezza delle persone #bastacinghiali.

L’obiettivo è denunciare, anche con eclatanti azioni dimostrative, una emergenza nazionale che sta provocando l’abbandono delle aree interne, problemi sociali, economici e ambientali.

Un dossier sugli effetti dei lockdown

Per l’occasione sarà diffuso l’esclusivo Dossier Coldiretti su “Covid e l’assedio dei cinghiali in Italia”, sui rischi per la sicurezza, l’ambiente e la salute e le proposte concrete per garantire la sopravvivenza delle aziende agricole e la tranquillità dei cittadini.